3 social-news di settimana: Instagram, Twitter e Periscope

 3 social-news di settimana: Instagram, Twitter e Periscope

3 social news di settimana, 3 minuti per leggerle.

La prima notizia riguarda Instagram. Ancora. Nel senso che di Instagram si parla quasi tutti i mesi per una major-new-feature. Basti pensare a tutte le opzioni inspirate a Snapchat e tradotte nel grande successo di Instagram Stories. Che, per inciso, nelle ultime settimane ha conquistato buona parte delle bloggers Italiane a spese appunto dell’abbandono dell’app del fantasmino.

Sembra proprio che Facebook, che l’ha comprata, stia puntando tutto su Instagram per ‘coprirsi le spalle’, tenendola in salda seconda posizione tra i social più penetrati al mondo. E infatti questa settimana Instagram ha raggiunto 600 milioni di utenti. +100M in sei mesi, ma soprattutto users raddoppiati in 2 anni.

La seconda notizia riguarda Twitter. Per tutto il 2015 non si è parlato che del nuovo focus di tutti i social verso i contenuti video. E poi, ad inizio 2016, con l’arrivo dello streaming su Facebook, lo standard per i contenuti video è sempre più diventato il live.

E quindi, questa settimana, ultimo dei grandi social, anche Twitter si è fatto conquistare dalle brezza della diretta: da qualche giorno si possono quindi filmare dei live-videos direttamente dai nostri account di Twitter.

Ma non era forse stato, in qualche modo, proprio Twitter ad inaugurare questa cosa delle dirette? Sì, infatti. E lo aveva fatto attraverso una sua ‘estensione’ che ha avuto un boom di popolarità lo scorso anno. Cioè Periscope: accoppiato ai nostri account di Twitter è stato lui il nostro strumento per le prime personalissime dirette social.

Infatti la terza notizia riguarda il fatto che, a pochi giorni dall’arrivo dello streaming ‘nativo’ su Twitter, per Periscope suonano le campane a morto. Nel ranking delle app più scaricate su iOS, solo per fare un esempio, dalla top 20 di inizio anno, Periscope viaggia ormai oltre la 400esima posizione.

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.