5 Apps per rivoluzionare il tuo Instagram. In 5 minuti

 5 Apps per rivoluzionare il tuo Instagram. In 5 minuti

phone-1235721_640

5 minuti per scaricare le 5 app di questo articolo. E poi 5 minuti prima di ognuno dei tuoi prossimi Insta-post. È tutto quello che ti serve per fare in modo che il tuo account Instagram (aziendale o personale) non sia più lo stesso.

La prima app da scaricare è un app-per-il-management-della-app. Mi spiego: serve uno strumento per tagliare i tempi che di solito si usano per sapere (o monitorare, nel caso di un account aziendale) quello che accade su Instagram (i followers, i following, ma anche in termini di mercato). Ce ne sono diverse. Noi usiamo Crowdfire, che ha anche il plus di una nuova feature ‘Ammiratori’, che consente di ricambiare l’affetto che il proprio account riceve (i cuori, cioè i like) in maniera scalare ed efficace.  

Un’alternativa che è anche un classico: Hootsuite.

Ma poi si deve migliorare radicalmente i contenuti, a partire da quelli fotografici. E l’aspetto che viene prima di tutto, per un social che è il social delle fotografie. Inoltre, Instagram sta sempre più diventando popularity-driven (i post più popolari, come su Facebook, vengono già adesso avantaggiati rispetto agli altri). Allora occorre usare almeno 1 app per l’editing. La migliore, secondo noi, è VSCO.

In alternativa, c’è un super classico anche per questo: Adobe Photoshop Express.

Ma contenuti grafici significa anche video. Ci sono in questo caso delle indispensabili apps ‘native’ di Instagram. Bisogna sceglierne almeno una tra Hyperlapse e Boomerang. La prima è perfetta per creare video nel miglior formato da veicolare su Instagram; e la seconda per creare dei video-loops.

Naturalmente ci sono anche delle alternative. Noi usiamo Replay.

Non bisogna però dimenticare che contenuti significa anche testo. E’ un aspetto che non si puo’ proprio trascurare, ma che buona parte degli utenti trascura. Non lo si può trascurare per diversi motivi, 2 su tutti: il nostro indispensabile bisogno (come utenti) di leggere delle storie, prima, e l’utilizzo degli hashtags per fare reach di nuovi utenti, poi. Per lo strorytelling ancora non hanno creato una app come si deve. Per gli hashtags, invece, ce ne sono molte: noi, per essere sempre sicuri di aver usato proprio tutti gli hashtags pertinenti, facciamo sempre anche un check con Tags for Likes.

Non si può che chiudere con una app dedicata ai filtri questo pacchetto – minimo – di app per massimizzare il tempo speso su Instagram. È vero che Instagram nasce con bellissimi filtri interni, che sono uno dei suoi core. Ed è vero che ci sono ormai delle opzioni filtro sofisticate sia nelle device iOS che in quelle Android. Ma ecco 2 applicazioni che fanno capire che quanto sopra è solo un inizio. Filterloop è una, e l’altra è un must per gli amanti del B&W: si chiama BLACK.

Federico Corradini
Logo-xChannel

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.