Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

5 passi per aumentare il tasso di apertura delle tue campagne di email marketing

email-2

[dropcap]O[/dropcap]ttenere che un utente decida di aprire una mail è il primo obiettivo che una campagna di email marketing deve porsi. Senza l’apertura tutto finisce… Ancora prima di cominciare. Per questo il tasso di apertura è uno dei dati che maggiormente prendono in considerazione coloro che fanno dell’email marketing una parte importante della loro strategia digitale. Far sí che un utente apra la porta della sua casella di posta è un’attività che si può migliorare seguendo questi cinque passi:

1. Cura la tua lista con una strategia di permission marketing
Il passo essenziale per raggiungere un maggiore tasso di apertura è assicurarti che tutti gli utenti ai quali indirizzerai la tua email siano realmente interessati a riceverla. Sebbene sia quasi impossibile al 100%, possiamo comunque far sì che la loro percentuale sia la più alta possibile. E per ottenere ciò, niente di meglio di una strategia di permission marketing basata sulla doppia autorizzazione delle persone. Le liste double opt-in fanno sì che l’utente debba confermare il suo interesse nel ricevere le nostre comunicazioni per due volte, compilando un form e successivamente cliccando su un link in una email.

2. Usa il nome di una persona come mittente
Quasi il 100% delle campagne di email marketing sono create da imprese. E le imprese sono formate da persone. Per questo non ha senso rovinare il primo impatto che offri all’ utente, cioè quello di chi invia il messaggio, con il nome generico della tua impresa.
Utilizzare come mittente il nome e cognome di una persona aiuta a “umanizzare” l’impresa e offre al destinatario una maggiore sensazione di vicinanza. A tutti piace sapere con chi si sta interagendo e questa scelta farà aumentare le possibilità che l’email venga letta.

3. Chiarisci cosa desideri comunicare nell’oggetto della mail
Se è importante conoscere chi invia il messaggio, lo è anche di più sapere chiaramente che cosa si troverà se si deciderà di aprirlo. Per questo l’oggetto deve essere esplicito, chiaro, e deve suscitare  interesse perchè si decida di aprire l’email.
Il lavoro creativo sull’oggetto è una delle parti fondamentali se vuoi incrementare i tassi di apertura della tua campagna. Però, attenzione, perchè una linea di oggetto che agganci e susciti la curiosità del destinatario è un passo importante che, successivamente, deve essere confermato nel contenuto del messaggio. Se non si mantiene la “promessa” dell’oggetto, è probabile che non si avrà la stessa possibilità che l’utente apra la comunicazione la volta successiva.

4. Lancia la campagna in orari in cui ci sia qualcuno davanti al computer
Serve a qualcosa effettuare un invio nelle prime ore del giorno, quando nessuno sta usando il computer? O di venerdì pomeriggio quando gran parte dei tuoi potenziali clienti sono fuori? L’orario degli invii è fondamentale per raggiungere un buon tasso di apertura. Non solo perché è importante arrivare alla casella di posta in un momento adeguato per guadagnare l’attenzione dell’utente, ma anche per evitare di essere catalogati come spam.
C’è però una tendenza che deve essere considerata: il crescente uso degli smartphones può modificare le ore di consultazione della posta elettronica. Questo può rappresentare un’opportunità per molte imprese.

5. Usa un provider con una reputazione
Sembra banale, ma la scelta di una piattaforma di email marketing adeguata può aiutare ad aumentare il tasso di apertura. Inoltre, se non si utilizza uno strumento adeguato, si rischia di entrare nelle black lists di spammers.

Compiendo questi cinque semplici e logici passi, è molto probabile che il tasso di apertura delle tue campagne di email marketing venga incrementato. Te la senti di provare?

Lara Sanfilippo
MDirector, Gruppo Antevenio

avatar

Lara Sanfilippo

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.