80 miliardi di euro per pmi innovative

 80 miliardi di euro per pmi innovative

horizon2020-1

[dropcap]H[/dropcap]orizon 2020 è il  programma Quadro europeo per la Ricerca e l’Innovazione (2014 – 2020). Il nuovo Programma è attivo dal 1° gennaio 2014 fino al 31 dicembre 2020, e supporta l’UE nelle sfide globali fornendo a ricercatori e innovatori gli strumenti necessari alla realizzazione dei propri progetti e delle proprie idee. Il budget stanziato per Horizon 2020 (compreso il programma per la ricerca nucleare Euratom) è di 70.2 miliardi di € a prezzi costanti / 78,6 miliardi di € a prezzi correnti.

OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE

Rispetto ai “programmi quadro” precedenti, questa volta, le pmi europee sono favorite con un budget a loro esclusivamente riservato del 20% dello stanziamento complessivo, con la seguente articolazione:

  • Il 13% del totale è riservato nei programmi settoriali (ICT, Security, Health…) in collaborazione congiunta con le altre imprese, le università ed i centri di ricerca;
  • Un ulteriore 7% è poi riservato specificatamente alla innovazione nelle pmi. Questa fetta da sola rappresenta oltre2,8 miliardidi euro nel periodo 2014-20.

La tipologia di progetto, concepito espressamente per favorire le pmi, è il cosiddetto “strumento pmi” in cui, a differenza di tutti gli altri “strumenti”, le pmi possono presentare proposte sia da sole che in cooperazione con altri (consigliato). Lo “strumento pmi” è poi strutturato in tre fasi che coprono i diversi stadi del ciclo di innovazione come illustrato di seguito:

  • La Fase 1 mira a coprire la valutazione della fattibilità tecnica e di mercato potenziale di nuove idee. Il progetto sarà sostenuto con una somma forfettaria una tantum di 50mila euro e la durata dovrebbe essere di 6 mesi. La proposta da presentare è di circa 10 pagine;

  • La Fase 2 mira a finanziare le attività di R&I con un focus particolare sulle attività di dimostrazione di mercato (testing, prototipi, studi di scalabilità, progettazione, processi innovativi connessi ai progetti pilota, prodotti e servizi, convalida, verifica delle performance…), incoraggiando il coinvolgimento degli utenti finali e/o dei potenziali clienti. Il finanziamento dei progetti in questa fase va da  500mila euro fino a due milioni e mezzo e la durata varia da 12 a 24 mesi (finanziamenti e durate diverse sono possibili ma dovranno essere debitamente giustificati). La proposta di progetto da presentare è di circa 30 pagine;

  • La Fase 3 riguarda il sostegno alle pmi per la commercializzazione dei prodotti e servizi innovativi attraverso misure di supporto come: il networking, la formazione, il coaching e il mentoring, facilitando l’accesso al capitale privato o alla migliore interazione con gli stakeholder. Non vi sarà, quindi, in questa fase, il finanziamento diretto.

L’innovazione in 13 temi – Le pmi possono richiedere il finanziamento a partire dalla Fase 1 (consigliato) anche se è possibile accedere direttamente alla Fase 2 o persino alla Fase 3, a seconda delle esigenze nello specifico progetto.  

Il completamento di una fase permetterà poi ad una pmi di passare alla fase successiva.

Per quanto riguarda le aree tematiche nel 2014-15 saranno chiamati nei bandi i seguenti 13 temi:

  • Innovazione ICT ad alto rischio;
  • Nanotecnologie ed altre tecnologie dei materiali e di produzione;
  • Ricerca e sviluppo per lo spazio;
  • Dispositivi e strumenti per la diagnostica e biomarkers;
  • Produzione alimentare sostenibile;
  • Sviluppo e sfruttamento del mare e degli oceani;
  • Sistemi energetici a basso consumo di carbonio;
  • Trasporti integrati ed ecologici;
  • Innovazione ecologica ed approvvigionamento di materie prime;
  • Infrastrutture critiche urbane;
  • Processi industriali basati sulle biotecnologie;
  • Applicazioni di mobile e-government (2015);
  • Innovazione dei modelli di business per le pmi (2015).

I bandi sono sempre aperti con scadenze di raccolta pianificate con la seguente articolazione:

Call 2014Call 2014Call 2015Call 2015
Fase 1Fase 2Fase 1Fase 2
18/06/2014
24/09/2014
17/12/2014
09/10/2014
17/12/2014
18/03/2015
17/06/2015
17/09/2015
16/12/2015
18/03/2015
17/06/2015
17/09/2015
16/12/2015

In particolare, per le pmi ad alto rischio delle aree ICT innovative – che con i loro nuovi prodotti e servizi possono modificare in modo “dirompente” il mercato – è aperto il bando “Open Disruptive Innovation Scheme (ODI)” con un budget dedicato di 90 milioni di euro. Gli obiettivi dell’ODI sono: 1) coltivare idee innovative promettenti; 2) supportare la prototipazione, la convalida e la dimostrazione in condizioni reali di mercato; 3) aiutare la commercializzazione e decollo nel mercato.

Per le pmi esiste anche un’ulteriore opportunità rappresentata dal programma COSME – Competitiveness of Enterprises and SMEs – che è complementare ad H2020, con un budget complessivo, dal 2014 al 2020, di 2,3 miliardi di euro e con l’obiettivo principale di incrementare la competitività delle pmi sul mercato, anche internazionale, sostenendo l’accesso ai finanziamenti e incoraggiando la cultura imprenditoriale. Il programma si articola nelle seguenti 4 aree:

  • Accesso alla finanza;
  • Accesso al mercato;
  • Supporto agli imprenditori;
  • Condizioni più favorevoli per la creazione e sviluppo del business.

Maurizio Maraglino
Dottore Commercialista e Consulente d’impresa

Maurizio Maraglino Misciagna

https://www.mauriziomaraglino.it/

Dottore commercialista e revisore legale. Giornalista  pubblicista. Esperto in finanza innovativa e startup. www.mauriziomaraglino.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.