A febbraio lieve calo dell’export verso i paesi extra Ue

 A febbraio lieve calo dell’export verso i paesi extra Ue

A febbraio 2021 l’Istat stima, per l’interscambio commerciale con i paesi extra Ue27, un lieve calo congiunturale per le esportazioni (-0,7%) e un aumento per le importazioni (+4,2%).

La flessione su base mensile dell’export interessa tutti i raggruppamenti principali di industrie, tranne i beni di consumo non durevoli (+2,5%), ed è dovuta soprattutto alla riduzione delle vendite di energia (-14,4%) e beni intermedi (-2,5%). Dal lato dell’import si rilevano aumenti congiunturali diffusi, i più marcati per beni strumentali (+11,2%), beni di consumo durevoli e non durevoli (per entrambi +3,5%).

Nel trimestre dicembre 2020-febbraio 2021, rispetto ai tre mesi precedenti, l’export si riduce del 2,4%; il calo è ampio per beni strumentali (-5,1%) e beni intermedi (-2,8%), mentre si registra un aumento sostenuto per energia (+23,0%). Nello stesso periodo, l’import segna invece un rialzo congiunturale (+2,6%), determinato soprattutto dall’incremento di energia (+23,5%), beni di consumo durevoli (+6,4%) e beni strumentali (+4,9%).

A febbraio 2021, l’export diminuisce su base annua del 7,3% (da -12,7% di gennaio). La flessione è più ampia per energia (-25,9%) e beni strumentali (-12,5%). Solo le vendite di beni di consumo durevoli sono in aumento (+4,6%). L’import registra un calo tendenziale meno marcato (-3,0%, da -18,3% di gennaio), cui contribuiscono le diminuzioni di energia (-20,5%) e beni di consumo non durevoli (-11,4%).

La stima del saldo commerciale a febbraio 2021 è pari a +4.114 milioni (+5.095 a febbraio 2020). Diminuisce l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (da +7.709 milioni per febbraio 2020 a +6.218 milioni per febbraio 2021).

A febbraio 2021 si registra una marcata flessione su base annua dell’export verso Stati Uniti (-21,1%), paesi OPEC (-20,2%), Regno Unito (-13,8%) e Russia (-11,4%). Le vendite verso la Cina (+54,2%) sono in forte crescita.

Gli acquisti da Regno Unito (-25,5%), India (-23,5%), Russia (-20,6%) e paesi OPEC (-10,0%) registrano flessioni tendenziali molto più ampie della media delle importazioni dai paesi extra Ue27. Aumentano gli acquisti dalla Cina (+15,3%).

Il commento

A febbraio, si registra una lieve diminuzione congiunturale dell’export verso i paesi extra Ue, causata soprattutto dal calo delle vendite di energia e beni intermedi. Su base annua, la dinamica negativa dell’export è influenzata da movimentazioni occasionali di elevato impatto (cantieristica navale), al netto delle quali la flessione risulta meno ampia (-3,9%). La contrazione delle vendite verso Stati Uniti e paesi OPEC è particolarmente marcata; all’opposto, la crescita su base annua dell’export verso la Cina è molto sostenuta. Il rialzo congiunturale dell’import è spinto dall’aumento degli acquisti di beni strumentali; il calo tendenziale, in netto ridimensionamento rispetto a gennaio, è dovuto principalmente alla caduta delle importazioni di energia.

Redazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.