A gennaio 2020, prezzi alla produzione dell’industria in calo

 A gennaio 2020, prezzi alla produzione dell’industria in calo
Photo by Ehud Neuhaus on Unsplash

A gennaio 2020 i prezzi alla produzione dell’industria si stimano in lieve diminuzione sul mese precedente (-0,2%); su base annua, la flessione è più ampia (-2,3%).

Sul mercato interno i prezzi alla produzione dell’industria diminuiscono dello 0,3% su base mensile e del 3,4% su base annua. Al netto del comparto energetico, sia la dinamica congiunturale (+0,4%) sia quella tendenziale (+0,5%) risultano positive.

Sul mercato estero, invece, i prezzi aumentano dello 0,2% su base mensile (-0,1% per l’area euro, +0,4% per l’area non euro) e dello 0,9% su base annua (+0,1% per l’area euro, +1,4% per l’area non euro).

Nel trimestre novembre 2019–gennaio 2020 si stima una flessione dei prezzi alla produzione dell’industria pari a -0,3% sul trimestre precedente; la dinamica congiunturale dei prezzi è negativa sul mercato interno (-0,4%) e lievemente positiva su quello estero (+0,1%).

Nel mese di gennaio 2020, fra le attività manifatturiere, il settore della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati registra l’incremento tendenziale più elevato su tutti e tre i mercati (+5,4% sul mercato interno, +7,4% su entrambi i mercati esteri, area euro e area non euro), quello della metallurgia e della fabbricazione dei prodotti in metallo la flessione su base annua più ampia sul mercato interno (-1,3%) e su quello estero area euro (-3,0%).

A gennaio 2020 si stima che i prezzi alla produzione delle costruzioni per “Edifici residenziali e non residenziali” aumentino dello 0,3% su base mensile e dello 0,1% su base annua. I prezzi di “Strade e Ferrovie” aumentano dello 0,5% in termini sia congiunturali sia tendenziali.

Nel quarto trimestre 2019 i prezzi alla produzione dei servizi si stimano in aumento dello 0,7% sul trimestre precedente e dello 0,1% su base annua. L’aumento tendenziale più elevato interessa i servizi di trasporto marittimo e costiero (+4,1%); la flessione tendenziale più ampia, i servizi di telecomunicazione (-7,3%).

A partire dai dati di gennaio 2020, gli indici di prezzo per industria e costruzioni hanno base di calcolo dicembre 2019; la base di riferimento resta l’anno 2015. Informazioni sul ribassamento annuale degli indici saranno disponibili nella nota informativa che sarà diffusa con il rilascio del comunicato stampa del 31 marzo 2020.

Il commento

A gennaio 2020, i prezzi alla produzione dell’industria segnano una flessione tendenziale più ampia (-2,3%, da -2,1% di dicembre 2019), cui contribuisce la dinamica negativa dei prezzi dell’energia sul mercato interno. Sul mercato estero area non euro si rileva una crescita su base annua più sostenuta (+1,4%, da +0,8% di dicembre 2019), guidata soprattutto dai beni strumentali. Per le costruzioni, si registrano, per la prima volta da luglio 2019, variazioni tendenziali positive, sebbene contenute, sia per edifici sia per strade.
Nel IV trimestre 2019, la crescita tendenziale dei prezzi alla produzione dei servizi si porta prossima allo zero, a causa principalmente delle più accentuate dinamiche negative dei prezzi dei servizi di telecomunicazione e di trasporto aereo. Nella media del 2019, i prezzi crescono dello 0,9%, in rallentamento dal +1,9% del 2018.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.