Ad aprile i prezzi alla produzione dell’industria registrano un netto calo

 Ad aprile i prezzi alla produzione dell’industria registrano un netto calo

Ad aprile 2020 i prezzi alla produzione dell’industria registrano una diminuzione del 2,6% sul mese precedente e del 5,1% su base annua.

Sul mercato interno i prezzi alla produzione dell’industria segnano un calo congiunturale del 3,4% e una flessione tendenziale del 6,7%. Al netto del comparto energetico, i prezzi alla produzione dell’industria registrano una diminuzione dello 0,1% su base mensile mentre crescono dello 0,3% su base annua.

Sul mercato estero i prezzi alla produzione dell’industria diminuiscono dello 0,7% rispetto al mese precedente (-0,4% per l’area euro, -0,9% per l’area non euro) e dell’1,0% rispetto ad aprile 2019 (-0,7% per l’area euro, -1,2% per l’area non euro).

Nel trimestre febbraio – aprile 2020 si stima un calo congiunturale dei prezzi alla produzione dell’industria del 2,1% sul trimestre precedente; la dinamica congiunturale dei prezzi è negativa sia sul mercato interno (-2,7%) sia, in misura meno accentuata, sul mercato estero (-0,6%).

Nel mese di aprile 2020, fra le attività manifatturiere, gli incrementi tendenziali più elevati si registrano sul mercato interno per industrie alimentari, bevande e tabacco (+1,8%) e prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+1,2%), sul mercato estero per mezzi di trasporto (+1,0% per l’area euro, +2,2% per l’area non euro) e computer, prodotti di elettronica e ottica (+5,8% per l’area non euro). Marcate flessioni su base annua si rilevano, in tutti e tre i mercati di riferimento, per coke e prodotti petroliferi raffinati (-31,0% mercato interno, -11,2% area euro e -48,5% area non euro).

Ad aprile 2020 si stima che i prezzi alla produzione delle costruzioni per “Edifici residenziali e non residenziali” aumentino dello 0,2% su base sia mensile sia annua. I prezzi di “Strade e Ferrovie” crescono dello 0,2% in termini congiunturali e dello 0,6% in termini tendenziali.

Il commento

Ad aprile i prezzi alla produzione dell’industria registrano un netto calo su base mensile – il più ampio negli ultimi due decenni – e un deciso ampliamento della flessione su base annua (-5,1%, da -3,7% di marzo),
che si approssima al valore registrato nell’ottobre del 2009.
Anche ad aprile a determinare la dinamica sia congiunturale sia tendenziale dei prezzi sono soprattutto i prodotti energetici che segnano drastiche diminuzioni dei prezzi su tutti i mercati, più ampie su quello
interno e su quello estero area non euro.
A eccezione dei beni intermedi, si confermano positive, sebbene in lieve attenuazione, le dinamiche tendenziali dei prezzi degli altri raggruppamenti principali di industrie.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.