Aumento record in quattro mesi del PMI delle vendite al dettaglio, con un leggero calo delle vendite comparabili

 Aumento record in quattro mesi del PMI delle vendite al dettaglio, con un leggero calo delle vendite comparabili

Gli ultimi dati dell’indagine IHS Markit PMI® di agosto hanno indicato che le vendite al dettaglio in Italia sono diminuite su base comparabile, anche se il tasso di contrazione è stato il più lento in quattro mesi e solo modesto. I margini lordi hanno tuttavia continuato a calare drasticamente, infatti per diminuire la merce invenduta, i cui livelli sono aumentati per il settimo mese consecutivo, sono stati in parte utilizzati promozioni e sconti. I prezzi più alti di acquisto hanno anche fatto pressione sui margini, anche se il tasso di inflazione dei prezzi all’ingrosso è rimasto abbastanza lieve.

L’Indice IHS Markit PMI delle Vendite al Dettaglio, che registra i cambiamenti su base mensile delle vendite comparabili, ha registrato ad agosto 48.0, in rialzo da 47.3 di luglio. L’indice si è posizionato su un valore nettamente superiore alla media di lungo termine di 44.7, aumentando per la terza volta in altrettanti mesi.

Rispetto allo stesso mese del 2016, le vendite su base comparabile sono diminuite solo marginalmente. Tale andamento contrasta il forte calo su base annuale cui abbiamo assistito nei tre mesi precedenti.

I dettaglianti non hanno raggiunto i loro obiettivi di vendita di agosto. Il divario tra vendite effettuate e target è stato tuttavia il meno marcato degli ultimi due anni, riducendosi drasticamente rispetto allo scorso mese.

L’indagine di agosto ha anche mostrato un rimbalzo della fiducia del settore sulle prospettive di vendita per il mese prossimo. In quest’ultima indagine si è tornati sul terreno dell’ottimismo, dopo il pessimismo registrato a luglio per la prima volta in un anno.

In contraddizione con il nuovo rallentamento del tasso di contrazione del settore, i dettaglianti hanno registrato ad agosto un calo più rapido dei margini lordi. La forte contrazione è stata la più netta da maggio ed è stata in parte conseguenza delle promozioni e degli sconti utilizzati per incentivare le vendite ed alleggerire la giacenza dei prodotti invenduti.

I livelli di merce destinata alla rivendita dei dettaglianti sono aumentati ad agosto per il settimo mese consecutivo. Il tasso di accumulo è accelerato per il secondo mese consecutivo toccando un valore considerevole, il più rapido da aprile.

La merce invenduta del settore ha continuato ad accumularsi nonostante l’ulteriore contrazione degli acquisti, contrazione ormai presente da ben nove mesi consecutivi e che ad agosto ha toccato il tasso più rapido da maggio.

I prezzi medi pagati per i beni destinati alla rivendita sono aumentati nel mese di agosto, in parte a causa dei maggiori costi delle materie prime e del petrolio che i fornitori hanno trasferito sui dettaglianti. Tuttavia, il tasso di inflazione dei prezzi d’acquisto è rimasto lieve nel contesto dei dati storici.

L’indagine di agosto ha nel frattempo mostrato un aumento marginale dell’occupazione del settore.

Anche se è stato il più basso da marzo, quest’ultimo incremento delle assunzioni ha esteso l’attuale sequenza di crescita occupazionale al record dell’indagine di 12 mesi.

Phil Smith, Principal Economist presso la IHS Markit, e autore del report Markit PMI® sulle Vendite al Dettaglio in Italia, ha dichiarato: “Il PMI delle vendite al dettaglio di agosto ha mostrato un leggero rialzo per il terzo mese consecutivo. Ad indicare la condizione di base del settore, il recente rialzo offre buoni presupposti di crescita delle vendite totali nel terzo trimestre. Attualmente la IHS Markit prevede una crescita dello 0.8% delle vendite per l’intero 2017, rispetto alla contrazione del -0.2% avutasi nel 2016. L’indagine ha comunque evidenziato la forte competizione del settore, con aziende che offrono sconti e promozioni per supportare le vendite ma penalizzano i margini. L’ulteriore accumulo delle merci invendute ad agosto fa presagire che nel mese prossimo ci saranno ulteriori riduzioni”.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.