Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Bando Isi 2018, terminata la prima fase. Dal 6 giugno le date del “click day”

Si è conclusa alle ore 18 di giovedì 30 maggio, la prima fase della procedura per l’assegnazione dei 369.726.206 euro del bando Isi 2018, nona edizione dell’iniziativa con cui, a partire dal 2010, l’Inail ha messo complessivamente a disposizione delle aziende che investono in prevenzione oltre due miliardi a fondo perduto.

La quota maggiore è destinata ai progetti di investimento. Sono più di 17mila i progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro inseriti sul sito Inail per accedere ai fondi del bando 2018, suddivisi in cinque assi di finanziamento differenziati in base ai destinatari e alla tipologia degli interventi che saranno realizzati. La quota maggiore è destinata al primo asse, al quale sono assegnati 182.308.344 euro, suddivisi in 180.308.344 euro per sostenere i progetti di investimento e due milioni per i progetti di adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale. Una delle novità principali rispetto all’edizione precedente del bando è proprio l’introduzione del sub-asse dedicato specificatamente all’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale, con l’obiettivo di aumentare in modo significativo la diffusione di questi interventi di prevenzione.

Gli altri assi di finanziamento. Per l’asse 2 sono a disposizione 45 milioni di euro, destinati a sostenere la realizzazione di progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi. Lo stanziamento del terzo asse, per progetti di bonifica da materiali contenenti amianto, è pari a 97.417.862 euro, mentre per i progetti che rientrano nell’asse 4, che in questa edizione del bando Isi riguarda le micro e piccole imprese operanti nei settori della Pesca e del Tessile-Confezione-Articoli in pelle e calzature, sono disponibili 10 milioni. Gli incentivi del quinto asse, riservato ai progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, sono invece pari a 35 milioni di euro, suddivisi in 30 milioni per la generalità delle imprese agricole e cinque milioni riservati ai giovani agricoltori under 40, organizzati anche in forma societaria.

Le prossime tappe. A partire da giovedì 6 giugno le imprese i cui progetti hanno raggiunto la soglia minima di ammissibilità potranno accedere all’interno della procedura informatica ed effettuare il download del proprio codice, che le identificherà in maniera univoca in occasione del “click day” dedicato all’inoltro online delle domande di ammissione al finanziamento attraverso lo sportello informatico. I giorni e gli orari di apertura dello sportello informatico saranno comunicati sul sito Inail a partire dalla stessa data. Le regole tecniche che illustrano le modalità di funzionamento dello sportello informatico saranno pubblicate sul portale dell’Istituto almeno una settimana prima del “click day”. Gli incentivi, ripartiti in budget regionali, possono coprire fino al 65% delle spese previste per ogni progetto ammesso, sulla base dei parametri e degli importi minimi e massimi specificati dal bando per ciascun asse di finanziamento, e saranno assegnati fino a esaurimento secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande.

Informazioni e assistenza. Per informazioni e assistenza in relazione al bando Isi 2018 è possibile contattare telefonicamente il contact center Inail al numero 06.6001, utilizzabile sia da rete fissa sia da rete mobile, secondo il piano tariffario del proprio gestore telefonico.

Redazione

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.