Cassa integrazione: i dati di agosto 2016

 Cassa integrazione: i dati di agosto 2016

L’Inps ha reso disponibili sul proprio sito istituzionale i dati di agosto 2016 che si riferiscono alle ore autorizzate per trattamenti di integrazione salariale, alle domande e ai beneficiari di disoccupazione e mobilità.

Contrariamente a quanto avvenuto nei mesi precedenti, nel mese di AGOSTO si registra un incremento delle ore autorizzate di CIGO rispetto allo stesso mese del 2015, in parte dovuto ad una progressiva ripresa delle attività amministrative di concessione, anche nella gestione dell’arretrato, in fase di normalizzazione conseguente all’entrata in vigore del d. lgs. N. 148/2015 che ha introdotto importanti novità in merito agli ammortizzatori sociali.

Ore autorizzate per trattamenti di integrazione salariale

Nel mese di agosto 2016 il numero di ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate è stato pari a 31,4 milioni, in diminuzione del 20,5% rispetto allo stesso mese del 2015 (39,4 milioni).

INTERVENTI ORDINARI (CIGO) – Le ore di cassa integrazione ordinaria autorizzate a agosto 2016 sono state 7,8 milioni. Un anno prima, nel mese di agosto 2015, erano state 3,8 milioni: di conseguenza, la variazione tendenziale è pari al 102,1%. In particolare, la variazione tendenziale è stata pari a 87,6% nel settore Industria e 145,1% nel settore Edilizia. Tale incremento è in parte dovuto ad una progressiva ripresa delle attività amministrative di autorizzazione della CIGO, anche dell’arretrato, dopo il blocco autorizzativo seguito alla riforma sugli ammortizzatori sociali (d. lgs. N. 148/2015). La variazione congiunturale registra nel mese di agosto 2016 rispetto al mese precedente un decremento pari al 31,1% Nel mese di agosto 2016 il numero di ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate è stato pari a 31,4 milioni, in diminuzione del 20,5% rispetto allo stesso mese del 2015 (39,4 milioni).

INTERVENTI STRAORDINARI (CIGS) – Il numero di ore di cassa integrazione straordinaria autorizzate ad agosto 2016 è stato pari a 19,0 milioni, registrando una diminuzione pari al 26,6% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, che registrava 25,8 milioni di ore autorizzate. Nel mese di agosto 2016 rispetto al mese precedente si registra una variazione congiunturale pari al -33,6%.

INTERVENTI IN DEROGA (CIGD) – Gli interventi in deroga sono stati pari a 4,6 milioni di ore autorizzate a agosto 2016 registrando un decremento del 52,6% se raffrontati con agosto 2015, mese nel quale erano state autorizzate 9,8 milioni di ore. La variazione congiunturale registra nel mese di agosto 2016 rispetto al mese precedente un incremento pari al – 16,5%.

Disoccupazione, NASpI, ASpI, miniASpI e mobilità

Il primo maggio 2015 è entrata in vigore la “Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego” (NASpI), che sostituisce le indennità di disoccupazione ASpI e mini ASpI. Pertanto le domande di prestazione che si riferiscono ad eventi di disoccupazione involontaria verificatisi entro il 30 aprile 2015 continuano ad essere classificate come ASpI o mini ASpI, mentre le domande che si riferiscono ad eventi di disoccupazione involontaria verificatisi a partire dal 1⁰ maggio 2015, sono classificate come NASpI.

Nel mese di luglio 2016 sono state presentate 33 domande di ASpI, 3 domande di mini ASpI e 231.797 domande di NASpI. Nello stesso mese sono state inoltrate 273 domande di disoccupazione e 4.537 domande di mobilità, per un totale di 236.643 domande, il -9,2% rispetto al mese di luglio 2015 (260.546 domande). Si ricorda che le prestazioni per la disoccupazione involontaria ASpI e mini ASpI sono in vigore dal 1⁰ gennaio 2013. Pertanto le domande che si riferiscono ad eventi di disoccupazione involontaria verificatisi entro il 31 dicembre 2012 continuano ad essere classificate nell’ambito della disoccupazione ordinaria, mentre le domande che si riferiscono ad eventi verificatisi a partire dal 1⁰ gennaio 2013 e fino al 30 aprile 2015, sono classificate come ASpI e mini ASpI.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.