Cina Milionaria: consumi e trend di lusso

 Cina Milionaria: consumi e trend di lusso

cina-5Photo credit: 2 dogs / Foter / Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic (CC BY-NC-ND 2.0)

[dropcap]B[/dropcap]uona parte dell’espansione interna cinese è certamente dovuta al grande sviluppo commerciale e industriale di cui il Paese è stato protagonista nell’ultimo ventennio, ma anche all’opportunità che è stata concessa alla popolazione di arricchirsi e alla capacità con cui questa è riuscita a farlo.

cina-3Solo nell’anno 2013 il numero di ricchi cinesi, con asset superiori a 1 milione di dollari, è aumentato del 3% e conta oggi 2,9 milioni di persone, rivela una ricerca pubblicata di recente dall’Industrial Bank e dalla Hurun Research Institute Report.

Il club dei super-ricchi cinesi, con almeno 10 milioni di dollari in asset personali, è aumentato dal 2012 al 2013 del 4% per arrivare a 67.000 unità a oggi.

Quasi la metà dei milionari cinesi risiede nelle metropoli: il 17% a Pechino, il 15% a Shanghai e il 16% a Canton.

Anche nel segmento medio-alto vi è una forte crescita e se nel 2010 questo era rappresentato dal 12% nel 2015 è stimato un grande salto in avanti fino ad arrivare al 22% della popolazione cinese.

Il generale arricchimento della popolazione sta influenzando fortemente il processo di crescita del Paese.

Se fino al 2010 il progresso era guidato da pochi conglomerati statali, oggi la differenza viene contraddistinta da almeno il 30% della popolazione cinese che guida la crescita interna del Paese, ricerca investimenti e conduce quotidianamente uno stile di vita educato e molto ricercato.

cina-6Entro il 2020 la Cina diventerà, seguendo i tassi di crescita a doppie cifre attuali e stimati, il primo mercato di consumo di beni di lusso. È altresì vero che il modo in cui i cinesi consumano beni di lusso è cambiato. Nel decennio scorso gli acquisti venivano effettuati a livello domestico, nei grandi negozi retail o negli shopping mall; da qualche tempo invece si è notato quanto ai cinesi piaccia viaggiare all’estero ed abbinare la vacanza allo shopping.

Ciò ha portato, per esempio, ad una riduzione drastica di aperture di nuovi negozi. Fino al 2012 venivano aperti mediamente 150 nuovi negozi di brand di lusso ogni anno, nel 2013 il nuovo trend di consumo ha portato ad un’apertura di soli 100 negozi in un anno.

Una Cina quindi così dinamica, quasi imprevedibile e difficile da analizzare ma altrettanto affascinante per un mondo ancora da scoprire.

Riccardo Coli
r.coli@icloud.com

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.