Come intercettare fondi per realizzare una fattoria didattica

 Come intercettare fondi per realizzare una fattoria didattica

In un mondo sempre più tecnologico e in continua evoluzione, le fattorie didattiche crescono come attività che più avvicina l’uomo alla natura, dal bambino all’adulto. Esistono dei fondi per finanziare questo settore anche se si tratta solo di un servizio extra della vostra impresa.

Le fattorie didattiche sono strutture o servizi forniti da agriturismi o aziende agricole, le quali comprendono dei percorsi educativi a stretto contatto con la natura e tutto ciò che riguarda il mondo agricolo: dalla scoperta delle piante officinali, all’allevamento di animali.

Questi percorsi sono spesso arricchiti da laboratori creativi per i più piccini e degustazioni finali dei prodotti tipici anche per i più grandi.

Si tratta di un’attività che crea un legame tra la società e il mondo agricolo e della natura, permettendo nel frattempo all’imprenditore di far conoscere al meglio la sua azienda e i suoi prodotti.

Cosa serve per avviare una fattoria didattica?

Per avviare questa attività o servizio extra è necessario ottenere una speciale qualifica da parte dell’amministrazione regionale o provinciale di competenza. Il procedimento può variare secondo la regione di appartenenza ma di base è necessario possedere la Carta della Qualità.

La Carta della Qualità è un sistema comprendente particolari requisiti da possedere, come:

  • l’adozione di sistemi produttivi ecocompatibili propri dell’agricoltura integrata o biologica
  • postazioni per accoglienza, gioco e attività da svolgere in sicurezza soprattutto in caso di maltempo
  • rispettare tutte le norme igieniche e di sicurezza
  • stipulare una polizza assicurativa sulla responsabilità
  • gestire un registro delle varie classi che fanno visita alla struttura

Per avviare l’attività, il titolare deve presentare regolare documentazione di Segnalazione di Inizio Attività (SCIA) allo Sportello Unico delle Attività Produttive del comune d’appartenenza, insieme a tutta la documentazione che attesta la presenza in azienda di un operatore dotato di regolare qualifica.

La struttura che ospita l’attività deve inoltre possedere:

  • regolari certificazioni e nulla osta dal punto di vista edilizio e igienico
  • area dedicata al pronto soccorso

Come accedere ai finanziamenti per l’agricoltura ISMEA?

ISMEA finanzia la realizzazione di progetti di sviluppo o consolidamento nei settori della produzione agricola, della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli e della diversificazione del reddito agricolo.

  • A chi si rivolge: imprese agricole organizzate sotto forma di ditta individuale o di società, composte da giovani di età compresa tra i 18 e i 40 anni non compiuti, con i seguenti requisiti:
    1. subentro: imprese agricole regolarmente costituite da non più di 6 mesi con sede operativa sul territorio nazionale, con azienda cedente attiva da almeno due anni, economicamente e finanziariamente sana;
    2. ampliamento: imprese agricole attive e regolarmente costituite da almeno due anni, con sede operativa sul territorio nazionale, economicamente e finanziariamente sane

L’intervento ha una durata da 5 a 15 anni e comprende investimenti fino a 1.500.000€.

Cosa finanzia : progetti di sviluppo o consolidamento nei settori della produzione agricola, della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli e della diversificazione del reddito agricolo.

Le spese ammisibbili verranno coperte per un valore dal 2 al 40% in base all’investimento da realizzare.

Sono dunque comprese:

  • spesa per lo studio di fattibilità
  • servizi di progettazione
  • spese relative alle opere agronomiche per i soli progetti nel settore della produzione agricola primaria
  • spese relative alle opere agronomiche, opere edilizie e oneri per il rilascio della concessione
  • spese di investimento relative al settore della produzione agricola primaria, della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti agricoli
  • acquisto di terreni
  • potenziamento nuovi impianti di trasformazione

E’ possibile presentare la domanda di ammissione alle agevolazioni attraverso il portale ISMEA dedicato.

Maurizio Maraglino Misciagna

https://www.mauriziomaraglino.it/

Dottore commercialista e revisore legale. Giornalista  pubblicista. Esperto in finanza innovativa e startup. www.mauriziomaraglino.it

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.