Come scrivere un piano editoriale: i 7 errori da non fare!

 Come scrivere un piano editoriale: i 7 errori da non fare!

Quando parliamo di web marketing il piano editoriale deve essere uno dei pilastri su cui fondare la nostra strategia. Che si tratti di un piano per i social media oppure per l’uscita di nuovi articoli per il tuo blog, devi sempre avere un piano di azione già definito in tutti i minimi dettagli. Se riesci a coprire almeno un mese di contenuti sei già sulla buona strada.

Qualche mese in più ancora meglio. Ma attento a non esagerare. Ci sono infatti molti settori commerciali in cui le cose cambiano velocemente e un piano a lungo termine non è la mossa vincente.

Ora vediamo come dovresti strutturare un piano, integrarlo nella tua strategia di marketing, anche in ottica SEO e rafforzamento del tuo brand.

Piano editoriale per il blog

Quando scrivi articoli per il tuo blog, puoi anche andare a caso. Certo. Ma non è una mossa furba da parte tua. La prima cosa che ti consiglio è quella di pianificare per bene i contenuti in base anche alla stagionalità.

Faccio un esempio semplice. Marzo è il mese della primavera e in quel periodo cominciano le allergie. Se vuoi proporre dei test allergici per la tua farmacia, non conviene scrivere questo tipo di contenuto a novembre.

Pianifica i giorni. Scegli quanti articoli scrivere a settimana. Uno? Due? Tre? Tutti i giorni? L’importante è essere costanti e creare un circuito in cui il tuo pubblico viene a leggere quando sa che solitamente pubblichi una novità. In questo modo stai fidelizzando il tuo pubblico.

Inoltre, non lasciare “buchi” troppo grandi nella pubblicazione. Se non pubblichi da più di un mese perché le persone dovrebbero tornare sul tuo blog? E se non lo fanno gli utenti perché dovrebbero farlo i motori di ricerca? Questo un consulente seo ha il dovere di dirtelo, perché è uno dei fattori che incide sul posizionamento sui motori di ricerca.

Se lavori anche sui social media devi integrare il piano editoriale per il blog e fare in modo che si parlino tra di loro. Se sai che il lunedì pubblichi delle curiosità e il venerdì pubblichi degli informativi sui tuoi prodotti, saprai che ogni lunedì e venerdì pubblicherai questo sui tuoi social per spingerlo.

Se sul social media pubblichi con più costanza (magari tutti i giorni), avrai modo di approfondire gli altri argomenti che non hai toccato sul tuo blog.

Piano per i social media

Vale lo stesso di cui sopra, ma con alcune varianti. Questo perché i social media sono tanti. Milioni di milioni. Per questo motivo il primo passaggio è decidere quali social utilizzerai e come.

Per semplificare, soprattutto con la suite META, puoi fare in modo che il tuo contenuto venga pubblicato uguale e allo stesso momento su Instagram e Facebook pianificando data e orario di uscita.

Questa è una buona strategia se hai fretta, non hai le risorse o se comunque il tuo pubblico è molto simile per entrambe le risorse. Questo è uno dei sette errori che vedremo. Infatti non sempre il pubblico dei diversi social è uguale.

Infatti, è molto probabile che tu debba proporre dei contenuti diversi a seconda che stai parlando con il popolo di Facebook, quello di Instagram o quello di LinkedIn e Pinterest per essere davvero efficace.

Mi raccomando. Fatto il piano cerca anche di programmare in anticipo i post con gli strumenti che abbiamo a disposizione dai diversi social. Questo è infatti un altro dei setti gravi errori che commettiamo facendo un piano editoriale.

Calendario vs Piano editoriale

Un piccolo spazio dedichiamolo ad un errore semantico che spesso facciamo. Il Calendario editoriale non è il piano editoriale. Calendario significa pubblico giovedì e sabato e ho già pronti gli argomenti.

Piano significa, ho studiato il mio pubblico, ho studiato i miei competitor e in base al mese di riferimento ho capito che i migliori temi su cui puntare sono questi. Ho deciso che le migliori piattaforme su quel tema sono queste. Infine ho deciso come integrare tra di loro le varie pubblicazioni e lo strumento migliore: video, audio, testuale, immagine.

I 7 errori da non fare

Insieme ai ragazzi di Prodice Srl web agency a Milano abbiamo raccolto i 7 errori da non fare quando ti prepari il tuo piano di battaglia. Ecco qui:

  1. Pianificare senza programmare: sai che ad aprile hai 8 post da fare martedì e giovedì? Programma e non dire, ok oggi e martedì devo pubblicare.
  2. Non prendere in considerazione il tuo pubblico: i tuoi follower si aspettano da te tanti video e tu gli pubblichi le foto? Beh, che altro dire.
  3. Gli hashtag a che mi servono: a molto per prendere pubblico con interesse simile. Quindi non metterne mille a caso ma studia quelli giusti.
  4. Non centrare il target: probabilmente in Africa la stufetta elettrica non serve, così come ai famosi Eschimesi non serve il frigorifero
  5. Copiare: bellissimo il tuo Contenuto!!! Peccato che l’ho già visto… vabbè passo oltre.
  6. Sbagliare il taglio/tono del messaggio: hahaha… no, non c’ molto da ridere su questo argomento.
  7. Demordere: sarà dura… durissima… di più! Ma se hai un buon piano non mollare, dopo la semina arriva il raccolto.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.