Commercio estero: a maggio esportazioni e importazioni in calo

 Commercio estero: a maggio esportazioni e importazioni in calo

A maggio 2016 sia le esportazioni (-0,2%) sia le importazioni (-1,2%) sono in diminuzione congiunturale. Il surplus commerciale è di 5,0 miliardi (+4,1 miliardi a maggio 2015).

La lieve flessione congiunturale dell’export è la sintesi di un marcato calo delle vendite verso i mercati extra Ue (-3,0%) e di un rilevante aumento di quelle verso l’Ue (+2,1%). I beni strumentali (-3,3%) e i beni di consumo durevoli (-2,7%) sono in diminuzione mentre i prodotti energetici (+15,5%) risultano in forte crescita.

Nel trimestre marzo-maggio 2016, rispetto al trimestre precedente, l’aumento delle esportazioni (+1,3%) è determinato da entrambe le aree di interscambio: +1,3% per l’area extra Ue e +1,2% per l’area Ue. I beni strumentali registrano l’espansione più consistente (+2,9%).

A maggio 2016 la crescita tendenziale dell’export (+2,4%) è da ascrivere esclusivamente all’area Ue (+5,8%). La variazione tendenziale grezza al netto della correzione per giorni lavorativi (22 a maggio 2016 contro i 20 di maggio 2015) è negativa (-0,6%).

Le vendite di prodotti alimentari, bevande e tabacco (+12,1%) e di computer, apparecchi elettronici e ottici (+11,7%) sono in forte aumento, mentre le esportazioni di prodotti petroliferi raffinati (-35,4%) contrastano la crescita tendenziale dell’export.

A maggio 2016 le esportazioni verso Repubblica ceca (+13,3%), Giappone (+12,4%) e Spagna (+10,2%) registrano una sostenuta crescita tendenziale. Si segnala inoltre l’accelerazione della crescita verso i due principali mercati di sbocco dell’area Ue: Francia (+9,0%) e Germania (+7,8%).

A maggio 2016 la diminuzione tendenziale dell’import (-0,2%) è determinata esclusivamente dall’area extra Ue (-5,9%) e principalmente dagli acquisti di prodotti energetici (-26,5%) al netto dei quali si registra un aumento del 3,8%.

Nel primi cinque mesi dell’anno l’avanzo commerciale raggiunge 18,7 miliardi (+28,7 miliardi al netto dei prodotti energetici). Si rileva un aumento tendenziale dei volumi per entrambi i flussi: +4,8% per l’import e +1,0% per l’export.

Nel mese di maggio 2016 l’indice dei prezzi all’importazione dei prodotti industriali aumenta dell’1,0% rispetto al mese precedente e diminuisce del 5,2% nei confronti di maggio 2015.

La riduzione dei prezzi all’importazione dipende principalmente dalle dinamiche del comparto energetico, al netto del quale l’indice registra una variazione nulla rispetto al mese precedente e una diminuzione del 2,1% in termini tendenziali.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.