Condono sulle liti pendenti: arrivano i primi rigetti

 Condono sulle liti pendenti: arrivano i primi rigetti

Gli avvisi di presa in carico emessi dal concessionario della riscossione non possono essere impugnati in Commissione tributaria e dunque non è permesso al contribuente accedere alla definizione agevolata delle controversie tributarie (cd. condono).

Ciò è quanto emerge da una recente sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia (sent. n. 213/02/2017 liberamente visibile su www.studiolegalesances.it – sez. Documenti), in cui la parte ricorrente chiedeva la sospensione dei giudizi dichiarando di volersi avvalere della definizione agevolata delle controversie, come previsto dall’art. 11, comma 8, del DL n.50/2017.

Le istanze di sospensione sono state respinte dai giudici della Commissione Tributaria poichè ritenute infondate.

I giudici, infatti, hanno ritenuto in primo luogo che le istanze fossero state presentate in modo irrituale (il mezzo Pec sarebbe stato idoneo solo nell’ipotesi in cui il processo fosse iniziato in via telematica) e soprattutto in secondo luogo gli atti sono stati ritenuti non impugnabili.

I giudici, dunque, hanno espressamente chiarito come gli avvisi di presa in carico non siano autonomamente impugnabili così come previsto dall’art. 19 del d.lgs. n.546/1992 “in quanto non portano a conoscenza del contribuente una specifica pretesa tributaria, ma si limitano a ricordare al contribuente che l’Agente della Riscossione inizierà l’attività di riscossione coattiva di atti qualificanti una pretesa tributaria già noti al contribuente” (pagina 2 della sentenza).

Ci si augura, dunque, che i contribuenti abbiano prestato la dovuta attenzione nel richiedere di aderire a questo strumento di definizione della lite col Fisco al fine di evitare spiacevoli sorprese.

Dott.ssa Giulia Aloisi
Avv. Matteo Sances
www.centrostudisances.it
www.studiolegalesances.it

Matteo Sances e Giulia Aloisi

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.