Cosa è successo sui social dopo la puntata di Report su Moncler

 Cosa è successo sui social dopo la puntata di Report su Moncler
Henry Sichel, esperto di brand reputation e capo della divisione Insight di Caffeina
Henry Sichel, esperto di brand reputation e capo della divisione Insight di Caffeina

[dropcap]H[/dropcap]enry Sichel, esperto di brand reputation e capo della divisione Insight di Caffeina che analizza l’impatto della rete per i grossi marchi, divisione che ha affrontato indagini simili molto dettagliate con riscontri anche in ambito legal al servizio di brand del calibro di Barilla e Procter&Gamble, ha sintetizzato nella seguente infografica l’impatto digital che ha avuto la puntata di Report “siamo tutti oche” sul brand Moncler.

Infografica siamo tutti oche

«Dopo le prime avvisaglie della crisi reputazionale che stava colpendo Moncler – spiega Sichel -, in Caffeina ci siamo attivati per capire l’impatto che il servizio di Report “Siamo tutti oche” stava avendo su Facebook, Twitter e Google. Su Facebook, la violentissima reazione degli utenti ha colpito in pieno la Fanpage ufficiale di Moncler, forte di più di un milione di fan, con insulti, attacchi e critiche al trattamento riservato agli animali e alla scelta di produrre all’estero.Le reazioni a ogni post del Brand sono letteralmente schizzate alle stelle, passando da una media di 30 commenti al giorno nei post di ottobre a un picco di più di 1.800 per quello pubblicato il 2 novembre. Anche su Twitter, “piazza virtuale” per eccellenza delle crisi, gli effetti sono stati esplosivi: i tweet contenenti “Moncler” sono montati da una media di poche decine al giorno durante il mese di ottobre ai più di 3.000 del 3 novembre, con frequenti richiami al boicottaggio. Gli effetti si sono sentiti anche sulle SERP di Google, che già il 2 novembre ha indicizzato un picco di risultati correlati a Moncler, pari al triplo dell’andamento normale. Il caso è ora nella sua piena fase di hype. Il buzz decrescerà gradualmente, lasciando però alle proprie spalle una coda di strascichi negativi. L’impatto subìto da Moncler è serio e profondo, nonostante la pubblicazione di comunicati stampa circostanziati, e siamo probabilmente ancora all’inizio, con Moncler che ha dato mandato ai suoi legali per tutelarsi in tutte le sedi. Nei procedimenti che si apriranno, anche il danno reputazionale subìto online avrà probabilmente un importante ruolo da giocare, in un periodo di acquisti natalizi ormai alle porte e di consumatori sempre più consapevoli».

 

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.