Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Cos’è il social local marketing e perché le imprese locali dovrebbero utilizzarlo?

Grazie ai social media è possibile avvicinare le persone alle aziende per poter comunicare in maniera rapida e diretta. Inoltre, sono strumenti che permettono di avere dei feedback dal pubblico in tempo reale e, a differenza del marketing tradizionale, consentono alle aziende di convertire gli utenti da destinatari passivi del messaggio a promotori attivi.

I grandi brand hanno capito subito il potenziale che i social possono offrire e dedicano sempre più budget alla costruzione di contenuti molto articolati basati su concetti che spingono alla condivisione, per generare viralità. Ma un’impresa locale come può competere con il marketing e la comunicazione dei grandi brand? La risposta è che non deve farlo: se si decide di fare marketing per la propria azienda locale non bisogna prendere come esempio il social media marketing fatto dai grandi brand.

Per le imprese che operano sul territorio Tino Bassu e Domenico Mancuso, fondatori di Socialness e autori del libro Social Local Marketing, dopo aver applicato le regole del marketing a risposta diretta ad oltre 500 imprese locali, hanno elaborato una metodologia studiata e verificata chiamata Social Local Marketing.

Il Social Local Marketing sfrutta le potenzialità dei social network per promuovere le imprese locali, investendo meno risorse nel contenuto e molte di più sulla promozione di un messaggio al giusto target nelle vicinanze, in maniera programmata e continuativa.

Ma quali sono le fasi per impostare una corretta strategia di Social Local Marketing?

1- Costruire un posizionamento forte sul mercato

La maggior parte degli imprenditori, per vendere di più, tende ad abbassare i prezzi dei propri prodotti, ma, in questo modo, non fa altro che innescare una gara a chi offre il prezzo più basso, in cui spesso chi vince sono le grandi catene di negozi. È invece molto più efficace costruire un posizionamento forte sul mercato, attraverso un’attività di marketing strutturata. Attraverso il marketing è infatti possibile creare un brand forte che sia in grado di invogliare gli utenti a pagare di più per acquistare un prodotto.

2- Privilegiare il marketing a risposta diretta per monitorare i risultati dell’attività on line

Nel marketing locale, se non si vuole sprecare budget, bisogna adottare strategie che possano essere targetizzabili, misurabili, interattive e che abbiano una sola finalità: vendere. Il marketing a risposta diretta si compone di tutte quelle attività che consentono di misurare delle azioni intraprese e quindi di calcolare il ROI delle proprie attività.

3- Sfruttare i social media per comunicare solo con i potenziali clienti

I social media permettono di geolocalizzare il messaggio andando ad intercettare solamente le persone che possono realmente recarsi nel negozio. Un sistema di marketing su Facebook o Instagram permette di scegliere con cura i potenziali clienti a partire dalla posizione in cui si trovano nel momento in cui vengono cercate. È possibile, inoltre, filtrare l’utente per sesso, lingua ed età, o addirittura, identificare un pubblico con interessi o comportamenti specifici impostando filtri avanzati. Ad esempio, una gioielleria può creare un messaggio specifico per promuovere le proprie fedi nuziali. La targetizzazione avanzata permette di inviare l’annuncio solo agli utenti compresi tra i 25 e i 35 anni fidanzati ufficialmente e quindi potenzialmente interessati all’acquisto di fedi.

4- Svolgere attività di marketing in modo continuativo

Un’attività di marketing per ottenere risultati deve essere fatta in modo continuativo. Azioni costanti, pianificate, monitorate, obiettivi chiari e ben definiti: solo così sarà possibile entrare nella testa delle persone e quando avranno bisogno di risolvere ad un problema specifico, voi sarete la prima opzione che a loro verrà in mente.

5- Impostare contenuti costruiti per vendere

Lo scopo principale del marketing a risposta diretta è vendere. Di conseguenza diventa fondamentale costruire contenuti che spingano all’acquisto, lasciando perdere i contenuti creativi. Privilegiando una scrittura persuasiva (il copywriting), ogni contenuto andrà costruito con delle call to action forti che portino a compiere una determinata azione (vieni in negozio; lascia i tuoi dati per ottenere questo vantaggio) e che facciano percepire scarsità ed urgenza per far compiere queste azioni nel minor tempo possibile (solo 10 posti disponibili; solo entro il …). È importante anche offrire una garanzia per abbattere la diffidenza all’acquisto (se non sei soddisfatto ti rimborsiamo l’intero importo; se non lo facciamo entro i tempi stabiliti è GRATIS).

6- Fare attività di Remarketing

Spesso una campagna Facebook per la propria azienda non converte immediatamente. Solo il 2% degli utenti che visita una pagina web converte, ovvero compie un’azione, come ad esempio acquista un prodotto, lascia un’email o chiama per ricevere informazioni. Con il remarketing è possibile recuperare parte di quel 98% di utenti che ha deciso di non compiere subito l’azione. Questa tecnica agisce solo ed esclusivamente su chi ha già interagito con la vostra azienda. Immaginiamo ad esempio di cliccare su un annuncio di un’agenzia assicurativa che promette di farci risparmiare il 20% sulla polizza RCA. Leggendo l’annuncio, dopo aver cliccato e richiesto un preventivo si decide di posticipare la sottoscrizione, in quanto l’assicurazione scadrà fra 6 mesi. Il problema è che fra 6 mesi non ricorderemo neanche quello che abbiamo letto. Il remarketing interviene proprio per fare in modo che nei mesi seguenti si verrà raggiunti da nuovi messaggi, finché non sarà il momento di rinnovare la polizza.

7- Attrarre e nutrire clienti con la Membership

Alle persone che si sono dimostrate interessate al proprio contenuto è possibile far intraprendere delle azioni per spostarle il prima possibile dall’online all’offline per avere un contatto diretto, in cambio di un’offerta dedicata o un premio.

8- Analisi dei KPI

Quando si valuta una strategia di marketing, non esistono le opinioni, il concetto di “bello o brutto” perde di significato. Ogni sistema di marketing che si rispetti deve essere misurabile. La misurazione dei dati è essenziale per capire se gli investimenti che si stanno facendo hanno un ROI positivo o negativo

 

Redazione

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.