Cresce a ritmo sostenuto il numero delle richieste di prestiti per l’acquisto di auto: +20,0% nel I semestre 2016

 Cresce a ritmo sostenuto il numero delle richieste di prestiti per l’acquisto di auto: +20,0% nel I semestre 2016
Nel I semestre dell’anno il numero dei prestiti finalizzati all’acquisto di auto richiesti da privati ha fatto registrare un incremento del +20,0% rispetto al pari periodo del 2015 malgrado un rallentamento del tasso di crescita rilevato negli ultimi mesi.
Questa la principale evidenza che emerge dall’ultimo aggiornamento del Barometro CRIF che rileva con cadenza mensile le domande di prestiti finalizzati (vere e proprie istruttorie formali, non semplici richieste di informazioni o preventivi) raccolte dagli istituti di credito e contribuite in EURISC, il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF che raccoglie i dati relativi ad oltre 78 milioni di posizioni creditizie.
Andamento della variazione del numero delle domande di prestiti finalizzati all’acquisto di auto ponderata sui giorni lavorativi

 Fonte: EURISC – Il Sistema CRIF di Informazioni Creditizie
La dinamica positiva che continua a caratterizzare il comparto, sostenuta anche dalle offerte a tassi promozionali delle case automobilistiche e delle reti, emerge in modo inequivocabile anche dal confronto del dato aggregato relativo ai primi 6 mesi del 2016 rispetto al medesimo periodo degli anni precedenti.
Variazione I semestre 2016 su I semestre 2015 – dato ponderato Variazione I semestre 2016 su I semestre 2014 – dato ponderato Variazione I semestre 2016 su I semestre 2013 – dato ponderato Variazione I semestre 2016 su I semestre 2012 – dato ponderato Variazione I semestre 2016 su I semestre 2011 – dato ponderato Variazione I semestre 2016 su I semestre 2010 – dato ponderato Variazione I semestre 2016 su I semestre 2009– dato ponderato
+20,0% +48,2% +61,0% +83,1% +49,4% +38,2% +25,0%

Fonte: EURISC – Il Sistema CRIF di Informazioni Creditizie

Altro aspetto interessante che emerge dall’analisi di CRIF è rappresentato dal fatto che negli ultimi mesi di osservazione è andata via via consolidandosi il progressivo recupero verso valori più elevati dell’importo medio dei prestiti richiesti, che nel mese di giugno si è attestato a 13.609 Euro (contro i 13.160 Euro del mese di giugno 2015).
Tuttavia, nell’aggregato relativo al I semestre dell’anno in corso l’importo medio richiesto è risultato pari a 13.083 Euro, con una flessione del -2,9% rispetto al corrispondente periodo 2015.
In generale, il fatto che l’importo medio richiesto si mantenga su livelli ancora contenuti trova riscontro nella consolidata tendenza da parte degli italiani – comune anche ad altre forme tecniche di finanziamento – a cercare soluzioni di indebitamento che gravino il meno pesantemente possibile sul reddito disponibile.
Andamento dell’importo medio dei prestiti finalizzati all’acquisto di un’auto
 Fonte: EURISC – Il Sistema CRIF di Informazioni Creditizie
Relativamente alla distribuzione per fascia di età, nei primi sei mesi del 2016 la classe in cui si è concentrata la maggior parte delle richieste si è confermata essere quella compresa tra i 45 e i 54 anni, con il 26,7% del totale, seguita ancora una volta da quella tra i 35 e i 44 anni, con il 22,0%.
Classe Età % Anno 2016
18-24 anni 4,8%
25-34 anni 14,9%
35-44 anni 22,0%
45-54 anni 26,7%
55-64 anni 18,5%
65-74 anni 10,3%
oltre 74 anni 2,8%

Fonte: EURISC – Il Sistema CRIF di Informazioni Creditizie

«Questa prima metà dell’anno ha confermato l’andamento della domanda di prestiti finalizzati all’acquisto di auto in ulteriore crescita, sostenuta dal trend positivo delle immatricolazioni e trainata dalle promozioni a tassi particolarmente vantaggiosi delle case automobilistiche e dei propri concessionari – commenta Elisabetta Pancaldi, Channel Director di CRIF -. Il rallentamento della dinamica registrato negli ultimi mesi suggerisce però di attendere i dati relativi al secondo semestre per poter meglio valutare l’effettiva evoluzione del comparto».

 

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.