Criteri d’acquisto di smartphone aziendali: patch di sicurezza rapide e regolari, aggiornamenti del sistema operativo e gamma completa di modelli i più importanti

 Criteri d’acquisto di smartphone aziendali: patch di sicurezza rapide e regolari, aggiornamenti del sistema operativo e gamma completa di modelli i più importanti

La mobility rappresenta un fattore fondamentale in gran parte delle strategie di business transformation. Consentire ai dipendenti di accedere da mobile alle applicazioni aziendali e ai servizi cloud può incrementarne la produttività. Gli smartphone sono quindi diventati, a ragione, uno strumento di lavoro indispensabile in azienda.

Secondo la recente “Business Smartphone Purchase Survey” condotta in Europa da HMD Global, l’85% delle aziende ha adottato una strategia BYOD (Bring Your Own Device) e consente ai dipendenti di utilizzare i propri dispositivi privati ​​per attività lavorative. L’acquisto di smartphone aziendali rappresenta tuttavia una questione importante, la cui complessità non deve essere sottovalutata. I responsabili degli acquisti devono infatti tenere conto di una ampia serie di funzionalità al fine di individuare una flotta di dispositivi che soddisfi in modo efficace le diverse esigenze dei dipendenti e le loro preferenze di utilizzo, garantendo nel contempo la conformità alle policy di sicurezza dell’azienda.

Secondo IDC, la stragrande maggioranza degli acquirenti opta per dispositivi Android™: quasi l’80% degli smartphone aziendali sono infatti basati su questo sistema operativo1, dato questo, che si avvicina al totale globale del market share di Android che si attesta all’84%2.

I criteri d’acquisto più importanti

La Business Smartphone Purchase Survey di HMD Global svela come il rilascio di patch di sicurezza regolari e veloci, la disponibilità degli aggiornamenti del sistema operativo e la capacità di un vendor di offrire una vasta gamma di dispositivi aziendali, sono i criteri più importanti su cui si basano le decisioni di acquisto delle aziende.

 “Il rilascio di aggiornamenti puntuali e rapidi della sicurezza e l’update del sistema operativo rendono i dispositivi mobile più protetti dagli attacchi degli hacker. Ciò evidenzia come un’efficace sicurezza aziendale possa cominciare già dal momento in cui viene presa una decisione in merito a quale tipologia di smartphone acquistare”, afferma Andrej Sonkin, General Manager Enterprise Business di HMD Global. “Tutti i nuovi smartphone Nokia, dal Nokia 3.1 a salire, fanno parte della famiglia Android One e la maggior parte di essi rientra nel programma Android Enterprise Recommended. Tutti i nostri smartphone Android One ricevono patch di sicurezza mensili per tre anni e aggiornamenti del sistema operativo per due anni dalla data di lancio sul mercato”.

Aziende di grandi dimensioni valutano un’ampia gamma di smartphone

Indipendentemente dalle dimensioni, le aziende concordano sull’importanza degli aggiornamenti del sistema operativo come criterio di acquisto. Tuttavia, quando il tema riguarda patch di sicurezza regolari e rapide, nonché la passibilità di valutare un’ampia scelta di dispositivi aziendali, l’indagine mostra significative differenze tra realtà di grandi dimensioni – con oltre 500 dipendenti – e quelle con meno di 200. Più l’azienda è grande, maggiore importanza viene data agli aggiornamenti di sicurezza regolari e rapidi. Stesso discorso vale anche per l’offerta di un’ampia scelta di dispositivi aziendali.

HMD Global – la casa dei telefoni Nokia – offre una tra le famiglie di smartphone Android Enterprise Recommended più complete sul mercato. Essa comprende dispositivi di fascia alta come Nokia 8 Sirocco e Nokia 8, i modelli mid-range Nokia 7 plus e Nokia 6.1, nonché i device dall’ottimo rapporto qualità/prezzo Nokia 5.1 3G/32GB e Nokia 3.1 3G/32GB. Anche i nuovi smartphone Nokia 6.1 Plus e Nokia 5.1 Plus annunciati di recente, hanno ricevuto l’approvazione per Android Enterprise Recommend.

Metodologia

La Business Smartphone Purchase Survey è stata condotta da Lightspeed per conto di HMD Global in Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna a luglio. Tutti i 500 decisori aziendali intervistati sono interamente responsabili per l’acquisto di smartphone o ne hanno la responsabilità condivisa in azienda. Rappresentano aziende di piccole (51 a 250 dipendenti), medie (251 a 500 dipendenti) e grandi dimensioni (oltre 500 dipendenti).


1  IDC, March 2017 Corporate and individually liable shipments

2  IDC Worldwide Quarterly Mobile Phone Tracker, May 30, 2018

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.