Da fotovoltaico, comunità energetiche e accumuli la soluzione per abbassare la spesa energetica delle PMI

 Da fotovoltaico, comunità energetiche e accumuli la soluzione per abbassare la spesa energetica delle PMI

Ridurre la spesa energetica con le rinnovabili si può. Grazie alla riduzione dei costi delle tecnologie, alle nuove disposizioni di legge in via di approvazione e ai regimi fiscali, oggi è economicamente conveniente diventare autoproduttori di energia elettrica massimizzando l’autoconsumo attraverso una gestione intelligente dei consumi.

“Il fotovoltaico non è più una tecnologia per addetti ai lavori ma è, e sarà sempre di più, un’opportunità economica per tutti, in particolare per le aziende e le famiglie. Le comunità energetiche stanno diventando l’opzione più plausibile per un sistema energetico efficiente, sostenibile e vantaggioso da un punto di vista economico e ambientale e il fotovoltaico associato ai sistemi di accumulo è la tecnologia attraverso la quale sarà possibile realizzarle”, spiega Paolo Rocco Viscontini, presidente di ITALIA SOLARE, l’associazione di riferimento del settore fotovoltaico in Italia.

Giusto per dare un’idea del calo dei costi, per un impianto industriale da 200 kW “chiavi in mano” si è passati dai 5.000 euro al kWh nel 2008 ai mille euro nel 2018. Se un’azienda decide di investire nel fotovoltaico ha davanti tre possibilità di finanziamento: l’impresa investe il proprio capitale senza quindi alcun onere finanziario; l’impresa accende un mutuo con la banca per una durata di dieci anni, con leva e costo del denaro variabili in funzione del rating del cliente finale e in fine vi è la possibilità di pagare una rata annuale a un noleggiatore di impianti fotovoltaici per l’utilizzo del bene, dove la rata include la manutenzione dell’impianto.

Quale esso sia il tipo di finanziamento scelto, secondo i calcoli degli operatori, un impianto fotovoltaico è sempre un investimento ad alta redditività, in particolare un sistema finalizzato all’autoconsumo ha, oggi, il miglior rientro economico. Per chi, invece, non vuole investire direttamente in un sistema fotovoltaico c’è sempre la possibilità di affittare la copertura dello stabile della propria azienda, realizzando così un Seu (Sistemi Efficienti di Utenza) che può portare a un ritorno economico dello stesso livello rispetto all’investimento in un impianto solare fotovoltaico.

Le opportunità per le PMI saranno presentate in un evento organizzato da ITALIA SOLARE, dal titolo “FV, Comunità Energetiche e Accumuli: come ridurre le spese energetiche di famiglie e imprese” che si tiene a Torino il prossimo 15 marzo presso la sala convegni “A. Busso” di API Torino dalle ore 09,00 alle ore 13,00.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.