Da maggio ad agosto 100 milioni di euro in più per il sistema turistico italiano

 Da maggio ad agosto 100 milioni di euro in più per il sistema turistico italiano

expo-1

[dropcap]L'[/dropcap]Esposizione Universale dal mese di apertura fino ad agosto ha trainato il sistema ricettivo non solo di Milano, ma anche di altri territori italiani: per i quattro mesi trascorsi dal giorno dell’inaugurazione di Expo, l’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza ha stimato in circa 100 milioni di euro l’indotto e le ricadute economiche generate dall’incremento delle presenze alberghiere registrate da maggio ad agosto per i turisti che hanno alloggiato almeno una notte nei territori considerati. Si tratta di circa 83 milioni di euro per Milano, 3,3 milioni per “l’area laghi”, 1,8 milioni per Monza e Brianza, 1,1 milioni per gli altri capoluoghi lombardi e 12 milioni per le aree turistiche di Roma, Firenze Venezia, Salento, Riviera Romagnola e Costiera Amalfitana.

Confrontando il sentiment degli albergatori nei 4 mesi di apertura dell’Esposizione Universale risulta che agosto è stato il mese in cui nel capoluogo lombardo si è fatto sentire maggiormente l’effetto Expo sulle presenze, con un aumento delle prenotazioni del 35,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, una dinamica che si è manifestata anche nella zona dei Laghi, dove nel mese agostano le strutture hanno registrato +28,3% di presenze e in Brianza (+26,7%). Guardando alla quota di alberghi che hanno avuto un aumento di presenze per Expo in questi 4 mesi, a Milano hanno beneficiato delle ricadute legate all’evento più strutture ricettive nei mesi di giugno ed agosto: si passa dal 43,4% di maggio al 53,4% di giugno e al 50% di agosto. A Monza il picco è stato a giugno (37,5%) e nella zona dei Laghi a luglio (9%). Agosto è stato anche il mese con la percentuale più alta di turisti stranieri presenti per Expo soprattutto a Monza e Brianza (84,4%), a Milano invece si raggiunge il 51,5%, dato inferiore rispetto a luglio dove la quota di stranieri nella “city” era il 65,7% del totale delle presenze per Expo.

Effetto Expo nel resto d’Italia
L’indotto e le ricadute economiche generate dall’incremento delle presenze alberghiere registrate da maggio ad agosto per le aree turistiche di Roma, Firenze Venezia, Salento, Riviera Romagnola e Costiera Amalfitana ammonta complessivamente a 12 milioni di euro, di cui circa sei milioni di euro nella sola Venezia. E se nella “Laguna” l’effetto Expo si è fatto sentire soprattutto nel mese di luglio con +20,9%, per le altre località turistiche italiane si nota che l’Esposizione Universale ha fatto da traino soprattutto “fuori stagione”(maggio e giugno). Guardando al trend medio dell’effetto Expo nei 4 mesi dall’apertura, a Firenze si registra +15% di presenze, nel Salento +12,1% e nella Costiera Amalfitana +8,1%. I dati sono stati illustrati oggi presso lo spazio Unioncamere – Palazzo Italia ad Expo, in occasione della presentazione dei risultati dell’indagine “Expo e turismo”, realizzata mensilmente da maggio fino al termine dell’evento dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza in collaborazione con DigiCamere, su un campione di oltre 700 strutture alberghiere.

Che cosa è successo ad agosto
L’indotto legato ad Expo del mese di agosto per Milano ammonta a circa 18,8 milioni di euro (solo per chi alloggia almeno una notte), con il 50% delle strutture che dichiara un aumento delle presenze motivato da Expo in media del 35,9% rispetto al medesimo mese dello scorso anno. La quota di turisti stranieri giunti in tutto il territorio milanese per Expo raggiunge il 51,5%, i visitatori internazionali arrivano principalmente dall’Area Euro (97,1%), dalla Russia (23,5%) e da Usa e Canada (17,6%). Guardando ai clienti abituali degli alberghi di Milano 1 su 3 va a vedere Expo.

La Brianza è tra le aree ad aver beneficiato maggiormente, anche grazie alla vicinanza con il sito espositivo, di un effetto positivo sulle presenze alberghiere: per il mese di agosto, 1 struttura su 4 dichiara di aver registrato un aumento di presenze derivato da Expo rispetto allo scorso anno, in media del +26,7%, con un indotto di circa 317mila Euro. Anche per gli albergatori della zona Laghi e degli altri capoluoghi lombardi nel mese di agosto si sono registrati aumenti delle presenze nelle strutture ricettive rispettivamente del 28,3% e del 15%, generando complessivamente un indotto legato ad Expo di oltre 1,8 milioni euro.

Che cosa sta succedendo a settembre
Il 58,8% degli albergatori milanesi prevede di chiudere il mese di settembre con prenotazioni in aumento per Expo. Dati positivi anche per le previsioni degli albergatori di Monza e Brianza: per il 48,6% prenotazioni in aumento grazie all’Esposizione. È quanto emerge da stime dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza a partire dall’indagine “Expo e turismo”, realizzata in collaborazione con Digicamere mensilmente da maggio fino al termine dell’evento, dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza con metodo CATI, su un campione di oltre 700 strutture alberghiere situate nei principali attrattori turistici lombardi e italiani.

«Expo si è confermata una straordinaria opportunità per Milano, la Brianza, la Lombardia e altre destinazioni turistiche durante il mese tradizionalmente dedicato alle vacanze, dimostrando così come un grande evento articolato e ben strutturato come questa Esposizione Universale sia un concreto attrattore turistico e un’occasione di sviluppo diffuso – ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza. – Del resto l’evento si è dimostrato un’opportunità di conoscenza e avvicinamento a culture di altre nazioni anche per gli italiani che durante le vacanze estive hanno scelto di visitare l’Expo».

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.