Una redazione di oltre 50 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Dal costo in €/km al prezzo in €/kg

tir-1

[dropcap]D:[/dropcap] Sono un autotrasportatore ed i clienti mi chiedono le offerte espresse in €/kg, come faccio?

 
[dropcap]R:[/dropcap] Purtroppo il peso della merce trasportata influenza solo in minima parte il costo di un trasporto perché incide solo sul consumo del carburante; tutti gli altri costi (retribuzione dell’autista, ammortamento e manutenzione del mezzo, pedaggio, bollo ed assicurazione) non variano al variare della quantità di merce trasportata. In altre parole, il peso della merce trasportata non è un “cost driver”. La distanza percorsa, espressa in km, è invece un ottimo cost driver: da essa dipendono tutti i costi tipici di un trasporto ad eccezione del bollo e dell’assicurazione. Di solito, quindi, si determina il costo medio di un km e quindi si calcola il costo per kg km (ovvero il costo che si sostiene per trasportare un kg per una distanza di un km), dividendo il costo al km per il numero medio di kg che si trasportano (o si pensa di trasportare) per la tratta in esame tenendo conto delle caratteristiche del mezzo (portata e dimensione espressa in posti pallets) e della merce (media di kg/pallets). Moltiplicando il costo per kg km per la lunghezza del trasporto da quotare si ottiene il costo al kg della tratta in esame. Se la tratta non è al momento coperta c’è il rischio di fare il viaggio di ritorno “vuoti”… è ovviamente un costo da tener presente.

Gaetano Comandatore
Membro fondatore di S.C.F. 2.0

Logo-Twitter-piccolo Logo-Linkedin-piccolo Logo-Facebook-piccolo

avatar

Gaetano Comandatore

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.