Di padre in figlio: il gusto di fare impresa

 Di padre in figlio: il gusto di fare impresa

Si svolge oggi, presso la sede di Palazzo Mezzanotte – Piazza degli Affari, 6 – Milano, la cerimonia di premiazione della quinta edizione del Premio di Padre in Figlio – Il gusto di fare impresa, promosso da Eidos Partners in collaborazione con le Camere di commercio di Milano e di Monza e Brianza e sponsorizzato da Borsa Italiana, Deloitte, Schroders PB, Bain & Co, Negri-Clementi Studio Legale Associato.

Sono oltre 286 mila in Italia gli imprenditori ultrasettantenni, di cui il 27,1% (77.573 titolari) è donna. Gli imprenditori over 70 sono diffusi soprattutto nel settore agricolo (63,2%), del commercio (16,8%) e nelle attività manifatturiere (4,9%). Roma è prima nella classifica delle province italiane per numero di ditte individuali con titolare ultra settantenne (12.434 imprese, 4,3% del totale Italia), seguita da Napoli (8.404 imprese, 2,9%) e Bari (8.169, 2,9%). Tra le regioni guidano la Sicilia con 30.530 imprese (10,7% italiano), l’Emilia – Romagna (26.422, 9,2%) e il Veneto (26.209, 9,2%).

La Lombardia conta 21.270 imprenditori ultrasettantenni titolari di impresa individuale, di cui il 24% donne (5.109 titolari). Tra 2012 e 2013 si registra una lieve flessione a livello regionale (-0,7%), mentre sul dato nazionale il calo è più consistente (-2,2%). La prima provincia per numero di imprenditori over 70 è Milano con 5.335 imprese (il 25,1% regionale), seguono Brescia (3.091, 14,5%), Mantova (2.486, 11,7%) e Pavia (2.348, 11%).

Il premio è un riconoscimento al valore delle imprese di famiglia che durano diverse generazioni e che caratterizzano il tessuto economico nazionale. È anche un modo per focalizzare l’attenzione sul tema della continuità generazionale che rappresenta un valore per l’intero sistema economico e sociale, garantendo all’impresa di resistere e adattarsi nel tempo. Infatti il passaggio generazionale significa anche cambiamento in quanto spesso i figli, in particolare le nuove generazioni, riescono a introdurre innovazioni nell’impresa e contribuiscono al consolidamento dell’azienda.

Per consultare il programma clicca qui.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.