Disoccupazione, sondaggio Confesercenti-SWG: «È il grande incubo degli italiani, 6 su 10 temono la perdita del posto per sé o per un familiare»

 Disoccupazione, sondaggio Confesercenti-SWG: «È il grande incubo degli italiani, 6 su 10 temono la perdita del posto per sé o per un familiare»

disoccupazione-5

[dropcap]«L’[/dropcap]esplosione della disoccupazione è al centro della crisi del nostro Paese ed è anche il fantasma che agita i nostri concittadini. Secondo un sondaggio Confesercenti SWG, la maggioranza assoluta (6 su 10) degli italiani teme infatti di poter perdere il posto di lavoro, o che lo perda qualche altro membro del proprio nucleo familiare».

Così Confesercenti, in una nota, commenta il dato sulla disoccupazione diffuso oggi dall’Istat.

«Nel dettaglio il 24,6% degli intervistati ha ammesso di avere molta paura di un nuovo disoccupato in famiglia, mentre il 37,2% ne ha abbastanza. A ritenere la prospettiva esistente, ma poco probabile, è il 24,8%. A sentirsi del tutto al sicuro, invece, è solo 1 italiano su 10. La paura della perdita di un posto di lavoro si collega ad una percezione generalmente negativa della situazione finanziaria del proprio nucleo familiare, ritenuta insoddisfacente dal 40% degli intervistati e molto insoddisfacente dall’11,2%. Il 45,9% degli italiani, invece, si dice soddisfatto, mentre solo l’1% si definisce del tutto soddisfatto».

«A questo punto – commenta Confesercenti – sarebbe davvero un autogol clamoroso tornare indietro sulla timida apertura fatta a favore di una maggiore semplificazione e flessibilità del lavoro: far ripartire l’occupazione è la priorità nazionale. Le prime misure del Governo hanno finalmente riaperto una prospettiva, anche se, vista la gravità della situazione, è necessario fare di più. Occorre impedire la chiusura delle imprese, rilanciando con grande forza il mercato interno, cui fa riferimento la maggior parte del tessuto imprenditoriale e quindi dei posti di lavoro in Italia. La ripresa dell’occupazione è un obiettivo che si può raggiungere, facendo prevalere dialogo e coesione fra le Istituzioni e le parti sociali».

Redazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.