Diverse tipologie di organizzazione

 Diverse tipologie di organizzazione

divisione-del-lavoro-1

[dropcap]C[/dropcap]ominciamo questo articolo ritornando sul principio di divisione del lavoro e più precisamente ne analizziamo la sua applicazione reale. Sono diversi i criteri che si possono applicare per suddividere il lavoro all’interno di una organizzazione. Tale divisione ha luogo a tutti i livelli: da quello di direzione generale a quello di servizio ed ufficio e così via fino al livello inferiore degli esecutori. La scelta dell’una piuttosto che dell’altra forma di divisione non è casuale, ma risponde ad una precisa esigenza dell’organizzazione in un dato momento. In genere, comunque, la divisione di primo ordine, cioè quella operata a livello di direzione generale, è su base funzionale. In altri casi, soprattutto in presenza di organizzazioni di grandi dimensioni, il primo criterio di divisione è dato dal tipo di prodotto o dal territorio. Nella pratica, difficilmente un’azienda è strutturata in base a un solo criterio, in genere si tratta di una combinazione di più schemi strutturali applicati ai diversi livelli.

Divisione per funzione
È il tipo di suddivisione strutturale più comune e più diffuso. Consiste nel raggruppamento delle attività aziendali tra le diverse unità organizzative in base alla funzione svolta da ciascuna di queste. I compiti omogenei per funzione (produzione, vendita, personale ecc.) e sotto funzione (nel caso del personale: reclutamento e selezione, addestramento, stipendi, salari, ecc.) vengono riuniti in posizioni e quindi in unità altrettanto omogenee, in modo che ogni organo può svolgere tutte le attività connesse ad una data funzione.
Per esempio, il direttore commerciale sovrintende a ciò che si riferisce alla vendita di tutti i prodotti dell’azienda, il direttore di produzione alla fabbricazione di tutti i tipi di prodotti e via dicendo. Si è detto che questo tipo di struttura ricorre in ogni organizzazione, nella sua forma pura la si trova soprattutto in organizzazioni di medie e piccole dimensioni; in dimensioni più grandi può trovarsi combinata con altre  forme di struttura, per prodotto, per zone, per processo. Il vantaggio della divisione per funzione è rappresentato dalla specializzazione, che rende più agevoli sia il coordinamento che l’esecuzione delle funzioni e dei singoli compiti. Lo svantaggio di questo tipo di struttura sta invece nel fatto che le unità organizzative, principali o subalterne, vengono a coincidere con le singole funzioni. Questo favorisce il sorgere di una mentalità settoriale, di rivalità tra settori, di difficoltà di coordinamento tra i grandi gruppi di funzioni.

Divisione per prodotto o servizio
Questo tipo di struttura prevede l’istituzione di un organo responsabile per ciascun settore principale di produzione aziendale, gruppo di prodotti fabbricati o venduti, gruppo di servizi forniti. Ciascun organo sovrintende pertanto a tutte le attività relative al settore di produzione, di prodotto o servizio di sua competenza.
Un esempio di questo tipo di struttura lo si può trovare nell’ufficio acquisti dei grandi magazzini, che sono divisi in base a categorie merceologiche (maglieria, abbigliamento maschile, abbigliamento femminile, ecc.). In questo tipo di struttura, ogni divisione opera, entro certi limiti, come una azienda autonoma, con propri uffici amministrativi e del personale, propri canali di distribuzione, propri reparti di produzione: si vengono cioè ad avere più organi per lo svolgimento delle medesime funzioni. Se questo può rappresentare un aspetto negativo, Il vantaggio che questo tipo di struttura rappresenta sta nel fatto che, riunendo in un unico raggruppamento le principali attività relative ad una produzione o a un gruppo di prodotti o di servizi, ne favorisce il coordinamento ed il controllo e quindi un collegamento più immediato tra le esigenze del mercato e la produzione, rendendo altresì più agevole la determinazione dei costi e dei profitti per ciascun tipo di prodotto. Da quanto detto si deduce che questo tipo di struttura si adatta ad aziende di notevole ampiezza o che fabbricano prodotti nettamente diversi l’uno dall’altro.

Divisione per processo
Questo tipo di struttura prevede il raggruppamento dei compiti e delle funzioni sulla base dei processi di lavorazione e delle sequenze operative. Per esempio, filatura, tessitura, candeggio, imballaggio, ecc. La divisione per processo si riscontra soprattutto nelle grandi aziende a ciclo di lavorazione completo o a ciclo di produzione continuo, laddove i processi di lavorazione richiedano, per essere eseguiti, differenti specializzazioni.
La struttura per processo può essere in serie o in parallelo:

  • in serie: il lavoro è diviso in tante fasi, ciascuna delle quali è svolta da una unità e procede verso il completamento passando da una fase all’altra. Ad esempio, tornitura-fresatura-verniciatura-assemblaggio-collaudo-magazzinaggio-spedizione. Questo tipo di struttura è funzionale quando è richiesta un’alta specializzazione per le singole fasi.
  • in parallelo: ogni unità organizzativa esegue più fasi di lavoro o più operazioni. Questa struttura la si riscontra ad esempio nell’organizzazione di vendita di una grande azienda di filati , che si rivolge ad un pubblico omogeneo e nella quale ogni capo gruppo venditore svolge lo stesso complesso di funzioni.

Divisione per attrezzatura
In alcuni casi la divisione delle attività è effettuata sulla base delle attrezzature, apparecchiature, strumenti, macchinari, impianti utilizzati. È il caso dei calcolatori elettronici, delle apparecchiature per la fotoriproduzione, la stampa e così via. La creazione di unità di questo tipo si giustifica con l’impossibilità tecnica di ripartire l’attività stessa, o l’impossibilità fisica di impiantare determinati strumenti nei locali in cui si svolgono altre attività e. ancora, per le competenze e qualificazioni che l’uso di tali strumenti richiede.

Divisione su base territoriale
Questo tipo di divisione prevede il raggruppamento di tutte o di alcune funzioni aziendali su base territoriale, per aree geografiche, per zone di attività. E’ ciò che si verifica per le filiali dei grandi magazzini, per le agenzie di banca e così via, al cui responsabile sono demandate, per l’unità territoriale di sua competenza tutte le funzioni, cioè amministrazione, vendita, personale. Il vantaggio di questo tipo di struttura è di consentire ai responsabili delle divisioni territoriali di operare con largo margine di autonomia, aderendo ai fattori e alle situazioni locali, le quali possono appunto variare da zona a zona. Come nel caso della struttura per prodotto, la struttura su base territoriale consente di trasformare una organizzazione molto ampia in una serie di organizzazioni minori e autosufficienti entro certi limiti; ha lo svantaggio di portare a una moltiplicazione di organi con funzioni generali (amministrazione, personale, ecc.).

Divisione per progetto
Questo tipo di struttura prevede che tutte le attività relative ad un determinato progetto, siano affidate a un gruppo di persone o di unità, costituito per l’occasione in unità organizzativa autonoma con un capo responsabile. La si riscontra nelle società di consulenza, nelle agenzie di pubblicità, nelle organizzazioni di ricerca scientifica. È una struttura molto dinamica, e ha il vantaggio di una elevata flessibilità e capacità di adattamento alle diverse situazioni, di maggiore rapidità e coordinamento nell’esecuzione dei compiti, senza appesantimenti burocratici.

Divisione per clientela
Questo tipo di divisione porta a creare organi responsabili per ciascun tipo principale di clienti a cui ci si rivolge, concentrando in ognuno di essi un certo gruppo di attività. Questa struttura si adatta a quelle aziende con clientela molto diversificata, oppure quando si offrono prodotti che richiedono canali o organizzazioni di vendita del tutto distinti. Un esempio può essere rappresentato da una fabbrica di calzature che ha come possibili clienti uomini, donne e bambini: a ciascun settore sono affidate le funzioni di produzione, vendita, personale, studi, programmi ecc.

Giuseppe Monti
http://progettoinnesto.it
giusmonti@gmail.com

Giuseppe Monti

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.