Dl Liquidità: 38.921 le domande arrivate al Fondo di Garanzia per 3,6 miliardi di euro

 Dl Liquidità: 38.921 le domande arrivate al Fondo di Garanzia per 3,6 miliardi di euro

Il Ministero dello Sviluppo Economico e Mediocredito Centrale, segnalano che le richieste di garanzie pervenute al Fondo di Garanzia nel periodo dal 17/03/2020 (data di entrata in vigore del decreto-legge del 17 marzo 2020, n. 18, di seguito “Cura Italia”) al 27/04/2020, sono 38.921 per un importo finanziato di 3.598.969.449,92 miliardi di euro.

Di queste domande:

  • 37.210 sono quelle pervenute ai sensi dei decreti Cura Italia e Liquidità, in particolare:
    • 20.835 operazioni riferite a finanziamenti fino a 25 mila euro, con copertura al 100% per un importo finanziato di 449.487.284,54 milioni di euro, arrivate in poco più di una settimana dall’avvio della misura, il 16 aprile 2020.
    • 6 operazioni di Riassicurazione con copertura al 100% del Fondo per finanziamenti di durata fino a 72 mesi;
    • 32 operazioni di garanzia diretta con copertura al 90% per finanziamenti di durata fino a 72 mesi;
    • 8.556 operazioni di garanzia diretta, con percentuale della copertura all’80%;
    • 4.509 operazioni di riassicurazione, con percentuale della copertura al 90%;
    • 919 di rinegoziazione e/o consolidamento del debito con credito aggiuntivo di almeno il 10% del debito residuo e con incremento della percentuale di copertura all’80% o al 90%;
    • 40 riferite a imprese small mid cap con percentuale di copertura all’80% e al 90%;
    • 2.313 con beneficio della sola gratuità della garanzia, che a normativa previgente erano a titolo oneroso;
    • 1.711 ai sensi della previgente normativa.

In relazione alle operazioni di rinegoziazione e/o consolidamento, ammissibili ai sensi dei decreti Cura Italia e Liquidità, l’incremento del credito aggiuntivo è stato del 31,8%, passando da 114,5 milioni di euro a 156,4 milioni di euro.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.