Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

E-commerce e Social Media per la Cina

Il 2017 si prospetta un anno ricco di opportunità per le PMI che già investono, o investiranno nel fiorente mercato online della Cina.  In Italia sono 16 mila le aziende che hanno un business online e la percentuale di quelle attive anche sui mercati esteri è aumentata. L’incremento più significativo si registra in Cina, con una presenza di quasi il 10% del totale delle aziende italiane, in aumento del 3% rispetto al 2016.

La Cina, infatti, offre ampi spazi per il business online, lo dicono il traffico dati e  le vendite che crescono a ritmi vertiginosi. Secondo il National Bureau of Statistics cinese, nel primo trimestre del 2016, le transazioni online di beni di consumo hanno raggiunto 1,025 miliardi di Yuan, registrando un incremento sulle vendite del 27,8% su base annua.

Ma sviluppare un e-commerce in Cina non è semplice. Vuoi saperne di più? Iscriviti al Corso Executive il 17 e 18 marzo.

Le connessioni mobile più veloci e un servizio internet più economico hanno, negli ultimi anni, fornito un accesso immediato a contenuti online a un più ampio pubblico di utenti in Cina.

L’aumento di questo pubblico rappresenta  un’opportunità per le imprese italiane per sviluppare strategie di comunicazione sui social media, come ad esempio micro-pubblicità video su Wechat o campagne di digital advertising su Baidu.

I Social Media

I  social media che influenzano maggiormente il mercato cinese non sono Facebook e Instagram, ma Wechat (62%) e Youku (48%).

Gli utenti attivi sui social in Cina sono 786,9 milioni, più del 56% della popolazione, di cui il 25% accede da mobile. Ma il dato più interessante è legato alle pratiche di utilizzo dei social: il 48% dei cinesi guarda video e filmati online; la condivisione di video e immagini è infatti una componente fondamentale per influenzare i consumatori cinesi.

Baidu

Secondo uno studio condotto dal China Network Information Center (CNNIC) è Baidu il motore di ricerca più utilizzato in Cina, con un tasso di penetrazione del 92,1%, seguito poi da Sogou/Soso  a pari merito con il 45,8% e, solo al quarto posto, Google (27.4%).  Le cifre parlano chiaro, se si ha un’attività di e-commerce destinata al mercato cinese, bisogna creare campagne di digital advertising su Baidu.

Per le PMI italiane, la Cina, è un mercato interessante e le prospettive di crescita sono ottime ma, prima di inaugurare una piattaforma e-commerce, è necessaria un’attenta pianificazione delle azioni e una digital strategy coerente con gli obiettivi di business.

Non hai dimestichezza con questi argomenti?

Vuoi conoscere le principali tecniche di web marketing e i più importanti  strumenti di vendita on-line in Cina, necessari per avere successo sul mercato digitale? Allora partecipa al corso: Internazionalizzazione e web: industria 4.0 la digitalizzazione dell’impresa – 17 e 18 Marzo 2017 presso Palazzo Turati, via Meravigli, 7 – Milano, durante il quale terrò un breve intervento sull’utilizzo dei social media in Cina.

Iscriviti subito a questo link: http://dyn.me/EcommerceCina, per te uno sconto del 15% con il codice: WEEVO15.

[Per utilizzare il codice sconto compila il form di richiesta e inseriscilo accanto al tuo nome]

Gabriele Carboni

Gabriele Carboni

Marketing e Comunicazione, Digital Strategic Planner, Twitter Specialist, Communication Designer, docente, fondatore (uno dei tre) di Weevo, ideatore di Glouk. Co-editore e curatore della rubrica Digital Divide per Il Giornale delle PMI. Strategie web per i mercati esteri: www.weevo.it

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.