Emergenza Coronavirus: i professionisti italiani hanno perso in un solo weekend ingaggi lavorativi pari a un milione e mezzo di euro

 Emergenza Coronavirus: i professionisti italiani hanno perso in un solo weekend ingaggi lavorativi pari a un milione e mezzo di euro

Non solo bar e attività commerciali si svuotano, ma anche il mercato dei servizi e i suoi operatori risentono delle problematiche legate alla diffusione del Coronavirus sul territorio italiano.
ProntoPro.it, portale numero uno in Italia che mette in contatto domanda e offerta di servizi professionali, ha analizzato le richieste di servizi raccolte nel weekend del 22 e 23 febbraio, registrando un forte calo rispetto al precedente fine settimana, un trend che si conferma anche per l’inizio di questa settimana.
In Lombardia e Veneto, territorio dei comuni focolaio del virus, le richieste sono calate del 40%, a risentirne di più i servizi legati a eventi e feste: “Domenica, appena è stata emanata l’ordinanza di divieto di manifestazioni pubbliche e private, mi hanno annullato due servizi per battesimo – racconta Marco Zaroli, chef e titolare di MZ food&events con sede a Busto Arsizio – negli ultimi tre giorni le richieste raccolte tramite ProntoPro si sono praticamente azzerate.  Prevedo un marzo disastroso”.

L’emergenza Coronavirus si fa sentire anche a livello nazionale, dove si registra una diminuzione di richieste di servizi professionali del 25% per il weekend appena trascorso.
Calcolando il giro d’affari dello scorso anno, per il medesimo periodo, il portale stima che i professionisti hanno già perso in soli due giorni ingaggi lavorativi pari a 1 milione e mezzo di euro a livello nazionale e fino a 1 milione di euro in Lombardia e Veneto. I servizi più in calo nelle due regioni sono quelli legati a benessere e formazione della persona, diminuiscono infatti le richieste per nutrizionista, personal trainer, ma anche per corsi di lingue e ripetizioni scolastiche, seguono eventi e feste e il mondo dei servizi per la casa, anche se quest’ultimo sembra per ora intaccato in maniera inferiore, con una diminuzione del 30% di richieste per servizi come installazione caldaia e aria condizionata,  o lavori edili e di ristrutturazioni.

Noi abbiamo continuato a lavorare anche nei giorni in cui è esplosa l’emergenza – afferma Francesca Lo Presti, responsabile di DI.EFFE MONTAGGI, ditta di montaggio mobili che opera in Lombardia – era importante portare a termine gli appuntamenti pianificati per evitare accumuli nelle prossime settimane. Al momento non ho percepito un grosso calo nelle richieste, ma prevedo che i cittadini del nostro territorio avranno ben altro a cui pensare nei prossimi giorni. Speriamo l’emergenza rientri velocemente”.

I professionisti non bloccano le loro attività
Concordi con le regole emanate dalla protezione civile e in linea con l’atteggiamento serio, ma non allarmistico promosso dal Ministero della Salute, i professionisti di ProntoPro continuano a svolgere la propria attività: “Accolgo normalmente i miei clienti in studio – racconta il personal trainer di Milano Stefano Fiocchi – anche perché non incontro più di due persone alla volta. Febbraio e marzo non sono mesi molto caldi per me, con l’arrivo della primavera capirò davvero se l’emergenza Coronavirus avrà influenza negativa sul mio indotto”.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.