Erasmus+ Call 2015: tante opportunità per l’istruzione e la formazione professionale

 Erasmus+ Call 2015: tante opportunità per l’istruzione e la formazione professionale

youth-erasmus

[dropcap]A[/dropcap]l via il secondo Bando di Erasmus+ (2014-2020), il nuovo programma comunitario per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. Tante le opportunità di cooperazione transnazionale e di mobilità all’estero per giovani in istruzione e formazione professionale e per esperti di formazione.

«In questo momento di crisi occupazionale, le opportunità di crescita, formazione e professionalizzazione offerte da un’esperienza di stage all’estero costituiscono per i giovani del nostro Paese uno strumento prezioso e quasi insostituibile ai fini del successivo inserimento lavorativo. Con Erasmus+ oggi e Leonardo da Vinci dal 1995, l’ISFOL tiene il passo con l’Europa, gestendo l’assistenza tecnica a programmi comunitari che sostengono la mobilità e la cooperazione nel settore dell’istruzione e formazione professionale», con queste parole il Presidente dell’ISFOL, Pietro Varesi, saluta la pubblicazione della Call Erasmus+ 2015.

A partire dal 2014, attraverso l’Agenzia Nazionale Erasmus+, l’ISFOL gestisce l’assistenza tecnica alle azioni decentrate di Mobilità per l’Apprendimento (KA1) e di Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone prassi (KA2 – Partenariati Strategici) per il settore dell’istruzione e formazione professionale del nuovo programma comunitario.

I progetti di Mobilità VET (Vocational Education Training) sono destinati a studenti in istruzione e formazione professionale, apprendisti, neodiplomati e neoqualificati (VET Learners), che, attraverso esperienze di apprendimento professionalizzante in altri paesi europei, quali lo stage in azienda, migliorano le loro competenze in funzione del proprio inserimento nel mercato del lavoro.

La Mobilità VET destinata al personale di organizzazioni attive nell’istruzione e formazione professionale comprende i docenti delle scuole, il personale amministrativo, i formatori dei centri di formazione professionale e delle imprese, che possono recarsi all’estero per un tirocinio formativo o un job shadowing presso imprese o organismi di formazione o per incarichi di insegnamento o formazione presso scuole, centri di formazione professionale o imprese.

I progetti di Cooperazione rappresentano, invece, una grande opportunità di modernizzazione dei sistemi di istruzione e formazione grazie alla realizzazione di iniziative di networking, sviluppo e trasferimento di pratiche formative innovative.

Con il precedente programma Leonardo da Vinci (LLP), dall’inizio 2007 alla primavera 2015, data di conclusione degli ultimi progetti, saranno oltre 42.000 le persone che, tra giovani in formazione professionale iniziale e persone disponibili sul mercato del lavoro, avranno effettuato un tirocinio professionale in Europa ed oltre 5.000 i professionisti della formazione professionale, che avranno avuto l’opportunità di confrontarsi con i propri colleghi europei. 525 è, inoltre, il numero di progetti innovativi di cooperazione transnazionale, che si concluderanno entro il 2015 per un totale complessivo di 182.893.763 milioni di contributo finanziario erogato, per innovare i sistemi e le prassi di istruzione e formazione professionale.

L’Agenzia Nazionale Erasmus+ ISFOL, con il nuovo Programma, intende incrementare ulteriormente per l’Italia il numero di mobilità di giovani (VET Learners) e operatori della formazione professionale (VET Staff), contribuendo in tal modo al conseguimento dell’obiettivo comunitario di offrire opportunità di mobilità transnazionale a 650.000 studenti europei in formazione professionale e apprendisti e di finanziare 25.000 partenariati strategici coinvolgendo oltre 125.000 organismi.

Il primo Bando di Erasmus+ nel 2014 ha già visto la presentazione di 521 candidature nell’ambito VET (287 progetti di Mobilità – 234 di Partenariati strategici). Il numero delle mobilità destinate ai giovani, che verranno realizzate nei 99 progetti approvati, sono 7.893. In continuità con il passato le destinazioni più gettonate, che restano il Regno Unito, la Spagna, la Germania e la Francia. In calo, tra le destinazioni prescelte, il Portogallo, l’Austria ed il Belgio. Per i Partenariati strategici sono 24 i progetti selezionati che hanno un finanziamento medio di 350.000 euro, con una partecipazione di circa 9 paesi a progetto, per un coinvolgimento complessivo di 197 organismi europei (istituzioni, imprese, parti sociali). Il paese coinvolto in un maggior numero di progetti è la Spagna, seguita dal Regno Unito e dall’Austria.

Nel 2014, la dotazione finanziaria per l’Italia destinata all’ambito VET è stata di circa 33 milioni di euro, stanziamento rinnovato anche per il 2015. Di questi 25 Milioni sono destinati alla realizzazione di progetti di Mobilità e 8 milioni ai Partenariati strategici.

Il termine ultimo per rispondere al Bando 2015 è il 4 marzo per la Mobilità per l’apprendimento e il 31 marzo per i Partenariati Strategici (Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, C 376, 23 ottobre 2014).

Per fornire informazioni utili alla presentazione dei progetti, l’Agenzia Nazionale Erasmus+ ISFOL parteciperà a numerose iniziative sul territorio nazionale ed organizzerà diverse giornate informative ad hoc, che si terranno al nord, al centro a al sud Italia in date e luoghi in fase di definizione. Informazioni di dettaglio sul programma e sugli eventi informativi (incluse modalità di partecipazione) verranno pubblicate a breve sul sito italiano del Programma www.erasmusplus.it.

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Comunicazione AN Erasmus+ Isfol
Tel. 06.85447006-033 – comunicazione.eplus@isfol.it
https://www.facebook.com/ErasmusplusISFOL
@ErasmusPlusIsf

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.