Essere gruppo nel lavoro

 Essere gruppo nel lavoro

[dropcap]L[/dropcap]e persone che lavorano in gruppo da sempre generano positivi risultati: chi interagisce nell’ambito di un gruppo esprime delle potenzialità che diversamente non avrebbero fatto emergere. Ogni individuo che appartiene a un gruppo prende parte al successo del gruppo stesso attraverso il proprio contributo e il ruolo che di volta in volta si assume.

Le persone che lavorano insieme condividono, mettono in comune, arricchiscono i contenuti, si convincono e cooperano.

Daft in un suo lavoro del 1994 definisce il lavoro di gruppo come un’unità organizzativa composta da due o più persone che interagiscono e si coordinano per svolgere il lavoro nonché per raggiungere uno specifico obiettivo. Pilati, Tosi aggiungono che l’obiettivo deve essere comune.

In ogni gruppo emergono delle dinamiche relazionali dove la comunicazione e l’ascolto sono fondamentali per trasferire e per imparare dagli altri, ma si deve trattare di una comunicazione efficace ed efficiente e di un ascolto attivo.

Nel lavoro di gruppo i conflitti devono essere trasformati in confronti dove la discussione deve portare a chiarire, trasformare, eliminare ecc. Le opinioni sono importanti e vanno condivise per trasformarle e arricchirle, ossia devono generare valore aggiunto per il gruppo, per le persone e per l’azienda nel suo insieme.

All’interno di un gruppo bisogna saper lavorare, dare il proprio contributo, saper condividere decisioni e integrarle nel proprio lavoro operativo e gestionale.

Il lavoro di gruppo non esime dal lavoro individuale: si condivide, si coopera, si convince, ma vi è un pezzo di strada che deve essere il risultato del lavoro e del contributo individuale che, messo insieme a quello degli altri, genera un valore di gran lunga superiore.

Nel lavoro di gruppo i meccanismi decisionali sono rilevanti: tutte le persone  di un gruppo devono condividere la stessa decisione che deve essere quella migliore o quella che permette di giungere alla definizione del miglior risultato.

Nell’ambito del gruppo gli individui che hanno la percezione della loro unità e utilità sono legati da relazioni di interdipendenza, nonché di appartenenza. Ogni gruppo condivide dei valori, una missione e gli individui all’interno del gruppo hanno dei desideri che vogliono realizzare.

La realtà operativa aziendale vede nella capacità di lavorare in gruppo un asset rilevante nella modalità di generare risultati migliori e decisioni condivise. Tutte le aziende investono in corsi di formazione, per le proprie risorse sulle tecniche del lavoro di gruppo, o in interventi di Team Coaching o Group coaching con l’intento di ottimizzare i risultati ottenuti: dalla fase progettuale alla fase operativa. Il gruppo permette di apprendere ed esprimere il know how acquisito in modo innovativo e creativo. Capita spesso che individualmente alcune decisioni non si sarebbero prese, ma condivise nell’ambito del gruppo danno la possibilità di perseguire nuovi risultati, intraprendere nuove strade ed esplorare nuovi scenari futuribili per lo sviluppo dell’impresa.

In azienda ogni persona ha un ruolo, assume una specifica posizione, ha un compito e svolge una determinata mansione.

Nel lavoro di gruppo spesso si lavora tra pari, ma non è sempre così: possono lavorare insieme persone che provengono da differenti ruoli o funzioni, ma devono sapere il risultato che devono condividere; così possono essere in grado di generare valore e risultati di ottimo livello.

Nell’ambito di un team si identifica un leader e vi sono dei follower (che si esercitano per diventare leader!). Il leader del gruppo o della situazione di riferimento, diventa fondamentale per il successo, è colui che fa da guida e ha un focus attento e specifico.

Il lavoro di gruppo si distingue per essere più snello, veloce e dà la possibilità di mettere insieme tutte le risorse che hanno le competenze richieste per raggiungere gli obiettivi prefissati.
I gruppi vincenti sono quelli che si contraddistinguono per essere flessibili, che si adattano al mutare delle condizioni dell’ambiente di riferimento, del mercato e della competizione.
Tutte le aziende che mettono al centro il lavoro di gruppo sono in grado di gestire al meglio le criticità e le opportunità aziendali. Per le pmi il lavoro di gruppo è molto importante e più che in base a una logica familiare deve essere gestito in base a un approccio gestionale, operativo che mette al centro le competenze di ogni individuo per generare il plusvalore richiesto nelle decisioni, nelle relazioni, nelle opportunità che si manifestano.

Teresa Tardia
http://www.ttardia.it/
it.linkedin.com/pub/teresa-tardia/54/ba9/a18
teresa@ttardia.it

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.