Facebook contro Periscope: l’algoritmo porta i LIVE-videos ‘sempre più in alto’

 Facebook contro Periscope: l’algoritmo porta i LIVE-videos ‘sempre più in alto’

face-1105284_640

L’opzione LIVE di Facebook è attiva da alcuni mesi per personaggi più o meno famosi. Sicuramente vi sarà capitato di avere delle notifiche sulla vostra app che dicevano ad esempio: ‘Mark Zuckerberg è in diretta’.

In questi giorni il roll-out della feature è andato avanti anche in Italia, per coinvolgere in questo servizio tutti gli users di FB. Non solo: questa non puo’ che essere la premessa per attivare il medesimo servizio anche su tutte le pagine aziendali.

La cosa interessante, oggi, sono le novità in fatto di algoritmo (sui nostri diari-FB, i risultati vengono mostrati più in altro sulla base di numerosi criteri matematici). Proprio in questi giorni, infatti, Facebook sta modificando i criteri per la visualizzazione dei post sulle nostre timelines, di modo da privilegiare i contenuti LIVE.

Questo è un attacco al servizio di Periscope, che ha sempre contato per il suo successo sull’instantaneità non solo del suo servizio di live streaming, ma anche su di un ‘partner’ come Twitter (Periscope funziona a tutti gli effetti come una ‘estensione’ di Twitter), che basa appunto il suo sistema di micro-blogging sulla logica delle ‘news’ del momento.

Ora, il fatto che i LIVE di Facebook vengano privilegiati sui nostri diari, per essere mostrati il più possibile in alto, è una presa di posizione netta per occupare proprio il territorio di Periscope. Il quale ultimo fu subito boom (nel 2015), ma che dal boom iniziale è rimasto un po’ al palo (almeno in termini di penetrazione numerica sugli utenti).

D’altronde, sembra che gli users guardino i live-videos 3 volte più a lungo rispetto agli streaming ‘salvati’ (dati: TechCrunch). Questa modifica dell’algoritmo, quindi, assieme al fatto che i video rimarranno comunque come streaming salvati su Facebook (mentre Periscope li cancella dopo 24 ore), spiegano bene come FB stia investendo tempo e risorse su questa nuova feature.

Federico Corradini
Logo-xChannel

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.