Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Federlazio, indagine congiunturale PMI: rallenta la ripresa ma si investe di più

La Federlazio ha realizzato la consueta indagine congiunturale sullo stato di salute delle piccole e medie imprese del Lazio, effettuata su un campione di 350 imprese associate. Lo studio ha riguardato il primo semestre 2016. L’indagine è stata presentata oggi presso la sede dell’Associazione dal Presidente della Federlazio Silvio Rossignoli e dal Direttore GeneraleLuciano Mocci. All’incontro sono intervenuti, tra gli altri, l’Assessore allo Sviluppo Economico e Attività produttive della Regione Lazio Guido Fabiani e il Presidente della CCIAA Roma, Lorenzo Tagliavanti.

Proprio quando si sperava di vedere rafforzati quei timidi segnali di ripresa, ci ritroviamo nuovamente di fronte ad un rallentamento lungo la strada che porta al superamento della crisi da parte del sistema produttivo laziale, che ci riporta indietro di qualche semestre fa. Era, infatti, dal II semestre 2014 che la percentuale di coloro che “non vedono via di uscita dalla crisi” non aumentava e quella di coloro che “intravvedono una luce in fondo al tunnel” non diminuiva. Ma spiragli all’orizzonte non mancano, come confermato dall’aumento notevole di imprese che ha effettuato investimenti, nonostante il momento difficile. L’obiettivo dei prossimi sarà, quindi, quello di far crescere e rafforzare le nostre imprese, soprattutto quelle nuove.

Nel primo semestre 2016, il saldo di opinioni sull’andamento degli ordinativi per quanto concerne il mercato nazionale arretra di 15 punti passando da +6 a -9 rispetto al secondo semestre del 2015, ed assume valore negativo. In diminuzione anche gli ordinativi dal mercato Extra-UE (da +18 a +16), mentre migliorano leggermente quelli dai paesi UE (da +6 a +9).

Il fatturato sul mercato domestico perde 8 punti ed assume valore negativo, passando da +3 a -5. Un andamento decrescente che riguarda anche il fatturato derivante dall’estero, pur restando positivi i saldi di opinione: paesi Extra-UE da 18 a 3, paesi UE stabile (era 5 anche nel semestre precedente). Torna negativo anche il saldo di opinioni sull’andamento della produzione che, lasciando sul terreno 10 punti, passa da +2 a -8.

È pari al 37,8% la percentuale delle imprese che ha dichiarato di aver effettuato investimenti nel primo semestre 2016. Si tratta di una percentuale in notevole crescita sia rispetto alla seconda parte del 2015 (29,3%) sia rispetto al primo semestre 2015 (28,0%), delineandosi così un trend positivo.

Torna a crescere anche la percentuale di imprese che ha aumentato l’occupazione, ora al 22% (era il 18,3%), ma è in aumento anche quella di chi ha dichiarato di aver ridotto gli organici (dal 14,3% al 15,7%).

L’indagine Federlazio ha rilevato anche le previsioni a breve sui prossimi sei mesi dalle quali emerge che, per quanto concerne gli ordinativi, i saldi di opinione dovrebbero nel complesso migliorare. Sul mercato nazionale il saldo rimane invariato a +10, mentre si prevede in aumento dall’estero: da +20 a +31il mercato UE, da +16 a +24 quello dal resto del mondo.

Riguardo le previsioni sull’occupazione per il II semestre 2016, il saldo atteso guadagna 5 punti e diventa positivo, passando da -2 a +3. In costante aumento anche la percentuale di imprese che prevedono di effettuare investimenti, ora al 41,5% (negli ultimi due passati rilevamenti era rispettivamente 37,9% e 33,9%).

Tra le principali problematiche segnalate dagli imprenditori, al primo posto torna la “insufficienza della domanda” che sale dal 25,8 al 27%. Seguono il “ritardo dei pagamenti dei privati” (24,3%), il “ritardo dei pagamenti PA” (17%), la “impossibilità di partecipare agli appalti” (9,6%), la “mancata concessione del credito bancario” (4,8%).

Abbiamo poi voluto cogliere la percezione delle imprese su come stia evolvendo la crisi dal loro punto di vista. Una percezione che mostra come le imprese che hanno un atteggiamento più propenso all’ottimismo siano in netta contrazione rispetto al secondo semestre 2015. Difatti, la percentuale delle imprese che hanno dichiarato che “al momento non si intravede alcuna via di uscita” risale sensibilmente, aumentando al 43,4% dal precedente 31,2% come è altresì aumentata la percentuale di coloro che hanno affermato che “il peggio deve ancora venire” (dal 2,4% al 3,3%). È dunque in diminuzione la percentuale di imprese tendenzialmente più ottimiste per le quali “si incomincia ad intravedere una luce in fondo al tunnel”: dal 66,4% del secondo semestre 2015 al 53,3%.

La percentuale di imprese che ritengono di correre seri rischi di chiusura entro i prossimi sei mesi si è sensibilmente aumentata (da 4,1% a 10,3%). Riguardo quali azioni le imprese intendano porre in essere al proprio interno per contrastare la crisi, al primo posto le imprese hanno indicato la “creazione di nuovi prodotti” con il 25,1% (in aumento rispetto al precedente 21,8%). Segue il “taglio dei costi di gestione” (da 26,6% a 22,2%), il “miglioramento della qualità del prodotto/servizio” (stabile intorno al 18%), le “attività rivolte sul mercato estero” (da 8,3 a 10,9%), la “riduzione del personale” (invariata al 6%). L’attività di “esternalizzazione dei servizi” scende al 2,5% rispetto al precedente 5,6%.

Alla domanda su cosa renda la loro attività meno competitiva qui in Italia rispetto a quella dei propri concorrenti, le imprese anche questo semestre hanno indicato al primo posto la “pressione fiscale”, in aumento rispetto a sei mesi fa (da 28,8% a 29,4%), seguita dal “costo del lavoro” (che invece flette dal 26,4% al 25,5%) e dalla “complessità normativa e burocratica” (dal 19,8% al 20,5%).

Infine, alle imprese del campione è stato chiesto di indicare quale azione il Governo regionale dovrebbe mettere al primo posto per uscire dalla crisi. Anche per questo semestre al primo posto viene indicata la “riduzione delle tasse su impresa e lavoro” con il 64,4%, in aumento rispetto al precedente 62,2%. A parte l’azione relativa alla “eliminazione inefficienze della PA” (da 11,8 a 14,2%), tutte le altre hanno percentuali quasi irrilevanti.

Redazione

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.