Fisco: gli agenti devono sempre verbalizzare

 Fisco: gli agenti devono sempre verbalizzare

Qualunque attività esercitata dai funzionari del Fisco presso il domicilio del contribuente va sempre verbalizzata.

Tale principio è stato sancito in una recente pronuncia della Suprema Corte (sentenza 11/09/2013 n.20.770, liberamente visibile sul sito www.studiolegalesances.it – sezione Documenti), la quale ha evidenziato come anche il mero ritiro di documenti presso i locali del contribuente deve essere oggetto di puntuale verbalizzazione al fine di garantirgli la possibilità di presentare eventuali memorie previste dall’art. 12, comma 7, dello Statuto dei diritti del Contribuente (legge n.212 del 27/07/2000). Ma non solo.

I giudici della Corte di Cassazione hanno anche sottolineato come l’obbligo di verbalizzazione sia previsto anche dall’art. 52, comma 6, del DPR n.633/72, il quale stabilisce che “Di ogni accesso deve essere redatto verbale da cui risultino le ispezioni e le rilevazioni eseguite, le richieste fatte al contribuente o a chi lo rappresenta e le risposte ricevute. Il verbale deve essere sottoscritto dal contribuente o da chi lo rappresenta ovvero indicare il motivo della mancata sottoscrizione. Il contribuente ha diritto di averne copia”.

Alla luce della succitata pronuncia, pertanto, è evidente come i giudici di legittimità si siano orientati verso la più ampia garanzia di difesa del contribuente.

Avv. Matteo Sances
info@studiolegalesances.it
www.studiolegalesances.it

sances_sgsances_slt

Matteo Sances

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO SANCES collabora con "Il giornale delle pmi" commentando sentenze in materia tributaria e bancaria.

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.