Garanzia Giovani. Nuovo fondo di investimento sociale di 50 milioni di euro per imprese, cooperative e associazioni

 Garanzia Giovani. Nuovo fondo di investimento sociale di 50 milioni di euro per imprese, cooperative e associazioni

L’Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro (ANPAL) ha istituito un nuovo fondo da 50 milioni di euro per favorire l’occupazione giovanile nelle regioni del Sud Italia e rientrante nel programma Garanzia Giovani. Il fondo è destinato a imprese, cooperative e associazioni che propongono modelli innovativi per la formazione e la riqualificazione professionale dei giovani che rischiano di essere estromessi dal mondo del lavoro e servirà a contrastare l’inattività giovanile nelle regioni del Mezzogiorno attraverso il finanziamento di progetti che assicurino la qualificazione professionale dei giovani fino ai 35 anni.

Nello specifico, i primi 50 milioni di euro saranno investiti in progetti che conterranno modelli innovativi con le seguenti finalità:

  • formazione e riqualificazione professionale;
  • recupero dei giovani a rischio di emarginazione;
  • sviluppo di realtà sostenibili in grado di generare occupazione.

I progetti finanziabili saranno quelli proposti da imprese, cooperative e associazioni, in forma singola o associate fra loro, in possesso di una consolidata esperienza nell’ambito delle attività di formazione e con la possibilità di garantire un cofinanziamento privato di partenza.

Il fondo che si aggiunge al pacchetto di interventi per l’imprenditorialità e l’occupazione giovanile del Governo, e tiene conto delle seguenti linee guida:

  • la flessibilità degli strumenti: investimenti in Equity e quasi Equity, quindi con iniezioni di risorse nel capitale sociale di chi otterrà il finanziamento, al fine di sostenere la maggiore stabilità delle operazioni e degli interventi;
  • l’offerta di prestiti differenziati, in funzione della tipologia di progetto e di soggetto proponente;
  • gli interventi, da 5 a 10 milioni di euro circa, capaci di generare impatti significativi e duraturi;
  • il coinvolgimento di investitori privati che potrebbero cofinanziare il fondo o direttamente i progetti;
  • la quantificazione ex ante ed ex post del ritorno sociale e la definizione di regole di remunerazione e modelli di misurazione dell’impatto sociale;
  • la costituzione di un Comitato di investimento in cui ANPAL avrà il ruolo di indirizzo e validazione delle singole scelte di investimento del fondo.

Consulta qui  decreto di istituzione del fondo di investimento sociale per l’impatto occupazionale.

Maurizio Maraglino Misciagna

https://www.mauriziomaraglino.it/

Dottore commercialista e revisore legale. Giornalista  pubblicista. Esperto in finanza innovativa e startup. www.mauriziomaraglino.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.