Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Gli influencer in America sono micro ma sempre più richiesti dalle aziende

Non c’è americano che non segua un influencer. Investire su un personaggio noto e sulle sue pubblicazioni via social, però, è proibitivo per molte PMI, comprese quelle che vendono nel mercato americano fatto di big celebrities da cachet milionari. Tuttavia questo non dovrebbe essere un problema. Qual è il motivo? Convertono molto di più i micro e nano influencer, coloro cioè che hanno un seguito – in termini di followers – più basso ma più attivo in commenti e condivisioni. Ogni marchio vuole lavorare con le celebrità, ma la capacità di un influencer con un numero di follower ridotto ma più appassionato di generare risultati tangibili è molto più alla portata di ROI.

Pochi ma buoni: il concetto chiave dei micro influencer

Si parla di micro influencer per indicare persone che hanno un seguito importante in nicchie specifiche. I follower di queste persone oscillano tra i 1.000 e i 100.000 follower ma sono in grado di coinvolgere la propria fanbase in modo più attivo in quanto parlano di qualcosa – un servizio o un prodotto – del quale gli viene riconosciuta una certa autorità.

Sono proprio coloro che rientrano nella sfera dei micro-influencer in America a far la differenza per le aziende. Perché? Sono percepiti come uguali a noi, contrariamente all’irraggiungibilità di una star di Hollywood, quindi il pubblico li considera come “più autentici”. Lo dimostra anche uno studio di Markerly (piattaforma di influencer marketing): il tasso di engagement diminuisce all’aumentare del numero di follower:

  • 4% like per community tra i 1.000 e i 10.000  follower
  • 4% like per community tra i 10 mila e i 100 mila follower
  • 7% like per community tra 1milione e 10 milioni di follower

Insomma: meno followers ma più qualità.

Cosa dicono le statistiche e gli studi di settore in USA

Sono stati condotti diversi studi sull’influencer marketing in USA, dove, se vogliamo, tutto è cominciato. The 2019 State of Influencer Marketing Report di Leading Global, agenzia di Influencer Marketing di Relatable, è uno di questi: 351 diversi team e agenzie di marketing negli Stati Uniti intervistati per indagare lo stato di salute di questa leva del web marketing.

Instagram domina il panorama dei social network su cui si muovono i budget di adv. 9 intervistati su 10 (87,6%) sostengono che la popolarissima piattaforma di condivisione di foto e storie è il canale a cui principalmente si rivolgono per le loro campagne di marketing di influencer.

Youtube è da non sottovalutare, anche se in terza posizione, ha un costo effettivo e un CPM (costo per 1000 impressioni) di 3/4 volte rispetto a Instagram, di conseguenza la dimensione di mercato del canale video potrebbe essere addirittura più grande, nonostante il minore market share. Seguono Twitter (15%) e LinkedIn (12%).

Il nuovo aggiornamento di Instagram porterà più visibilità agli influencer

Con il nuovo aggiornamento di Instagram i post degli influencer appariranno nel feed utenti anche di coloro che non seguono il personaggio in questione. Questo apre ovviamente un mondo sì di possibili critiche ma di possibilità a quelle imprese che possono attivare delle collaborazioni di questo tipo. Instagram sta diventando un vero strumento di marketing complesso che vede al centro proprio gli influencer, oggi considerati come una vera e propria categoria professionale.

Secondo le ultime ricerche condotte da Business Insider Intelligence (2018) entro il prossimo anno l’influencer marketing in USA raggiungerà un valore di mercato tra i $ 5 e i 10 miliardi.

a cura di ExportUSA

a cura di ExportUSA

ExportUSA New York Corp. è una società di diritto statunitense basata in America, a New York, e con uffici in Italia, a Rimini. Export USA è stata fondata nel 2003 per fornire alle piccole e medie imprese italiane tutti i servizi necessari per esportare con successo negli Stati Uniti. https://www.exportusa.us/

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.