I giudici possono disapplicare i regolamenti

 I giudici possono disapplicare i regolamenti

giudici-1

[dropcap]Q[/dropcap]uando la Commissione Tributaria ritiene che il tributo previsto da un regolamento è illegittimo può decidere di disapplicarlo.

Ciò è quanto emerge da una recente sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Lecce (sentenza n.621/02/15, depositata il 6/03/2015; liberamente visibile su www.studiolegalesances.it  – Sez. Documenti) la quale, non solamente ha dichiarato illegittimo un regolamento comunale in tema di TARSU ma è andata ben oltre decidendo di disapplicarlo e quindi di quantificare l’importo del tributo in base ad altri parametri.

Sul punto, infatti, i giudici dichiarano che “questo Collegio .. può in qualsiasi momento disapplicare un regolamento o un atto generale che ritenga illegittimo … come disposto dall’art. 7, comma 5, del Dlgs 546/92 che stabilisce <<Le commissioni tributarie se ritengono illegittimo un regolamento o un atto generale rilevante ai fini della decisione non lo applicano >>”.

Alla luce di ciò, i Giudici di Lecce hanno dunque provveduto a disapplicare il regolamento comunale e ad adottare dei principi per la quantificazione della tassa rifiuti ritenuti più congrui.

Avv. Matteo Sances
www.centrostudisances.it
www.studiolegalesances.it

Matteo Sances

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO SANCES collabora con "Il giornale delle pmi" commentando sentenze in materia tributaria e bancaria.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.