Una redazione di oltre 50 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Il cambiamento digitale dell’ecosistema del retail

Designed by Freepik

Dall’Osservatorio eCommerce B2c del Politecnico di Milano è emerso che l’Italia è il paese che ha registrato la crescita del mercato e-commerce più alta rispetto al 2017. Si tratta di un aumento del tasso di crescita del +16%. L’Osservatorio, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm, mette in luce ciò che negozi fisici e catene di distribuzione stanno registrando da tempo, ovvero un cambiamento radicale nelle abitudini di acquisto degli italiani (e dell’Europa intera). Questi cambiamenti si originano spesso dagli Stati Uniti, che per primi hanno introdotto nuove forme di acquisto online e che quindi stanno registrando già da anni le conseguenze di questi nuovi trend, secondi solo alla Cina.

L’Italia deve fare i conti con un avanzamento tecnologico che va più a rilento rispetto ai vicini paesi europei ma non per questo si inserisce in fondo alle classifiche, anzi. I dati dell’ecommerce 2018 dimostrano infatti che il 2018 per l’Italia è un anno di forte crescita (valore del mercato e-commerce in aumento del 15% rispetto all’anno precedente).

In aumento anche l’export, cioè il valore delle vendite dai siti italiani a consumatori stranieri, che tocca i 3,9 miliardi di euro (il 16% di tutto il mercato). I prodotti più esportati rimangono ancora quelli dell’abbigliamento, settore trainante del Made in Italy (60%) seguito dall’arredamento e dal Food, i tre pilastri dell’economia italiana nel mondo. Ma sono soprattutto le abitudini di acquisto online a dettare i trend del mercato internazionale dello shopping, soprattutto a partire dai trend americani.

Questo cambiamento infatti sta interessando paesi come gli Stati Uniti da alcuni anni. Qui le vendite al dettaglio si stanno spostando rapidamente online con portali di e-commerce che aprono i propri negozi fisici, spesso dei semplici magazzini di stoccaggio della merce, altre volte veri e propri punti vendita. E se da una parte ci sono più di 8.600 i negozi al dettaglio che hanno chiuso nei primi mesi del 2018, c’è da dire che il settore degli e-commerce americani è lo specchio di quello che sta avvenendo ora in Europa: sono loro ad aprire i negozi fisici perché la maggior parte degli acquirenti proviene ancora dall’acquisto in sede. Ecco che Amazon apre un negozio in uno dei quartieri più costosi di New York, l’Amazon 4-Star, in cui sono disponibili per l’acquisto solo prodotti che sul sito del gruppo hanno almeno quattro stelle nelle recensioni, quelli che sono tra i più venduti o che sono di tendenza.

Anche in Europa sta accadendo qualcosa di simile. Zalando ha aperto uno store fisico a Berlino con i principali brand Estée Lauder. La Beauty Station è chiaramente il frutto di un’attenta analisi dei comportamenti d’acquisto dei consumatori online che prediligono la categoria Beauty nell’e-shop e della consapevolezza che i negozi fisici hanno ancora la quota di mercato maggiore.

La questione tuttavia va oltre i negozi del retail: gli analisti stimano che entro il 2022 un centro commerciale su quattro chiuderà in America. Anche questo è un trend che si registra dal 2016 e a ruota i centri commerciali italiani fanno fatica a rimanere aperti vista la concorrenza enorme che spesso concentra più store nel giro di pochi km.

In pratica si può affermare che il retail è in crisi non a causa della crisi (la maggior parte degli acquisti nel mondo, più dell’80%, avviene ancora nei negozi) ma per il successo degli e-commerce. E come molti settori, gli Stati Uniti per primi hanno invertito il flusso: da negozio tradizionale a sito e-commerce si passa a sito di e-commerce che apre un negozio fisico.

a cura di ExportUSA

a cura di ExportUSA

ExportUSA New York Corp. è una società di diritto statunitense basata in America, a New York, e con uffici in Italia, a Rimini. Export USA è stata fondata nel 2003 per fornire alle piccole e medie imprese italiane tutti i servizi necessari per esportare con successo negli Stati Uniti. https://www.exportusa.us/

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.