Il Fisco è più semplice se spiegato con un cartone

 Il Fisco è più semplice se spiegato con un cartone

In questi giorni sul GIORNALEDELLEPMI.IT e su numerosi canali web è diventato virale il nuovo video del Centro Studi Giuridici Sances e del suo protagonista, un cartone animato dal nome “Renato.. il contribuente tartassato”. Cerchiamo di capirne di più insieme all’Avv. Matteo Sances, direttore scientifico del Centro Studi (www.centrostudisances.it ) e fondatore dello Studio Legale Tributario Sances (www.studiolegalesances.it ).

Avvocato, come è nata l’idea di un cartone animato per promuovere l’attività del Centro Studi?

«Stiamo cercando di affrontare questo tipo di  problematiche, notoriamente “ostiche” al pubblico (ci riferiamo in particolare alle questioni fiscali), in una maniera più leggera attraverso un cartone animato. L’idea è stata quella di realizzare un personaggio in cui si possano identificare tutti (Renato appunto) e che grazie alle sue vicissitudini si possano far conoscere i basilari diritti di noi contribuenti…».

[sz-youtube url=”https://youtu.be/G7rUlDEo7t8″ cover=”https://youtu.be/G7rUlDEo7t8″ /]

Matteo Sances, direttore scientifico del Centro Studi e fondatore dello Studio Legale Tributario Sances
Matteo Sances, direttore scientifico del Centro Studi e fondatore dello Studio Legale Tributario Sances

Come è nata l’idea di creare il Centro Studi Giuridici Sances?

«Il Centro Studi è sorto di fatto parecchi anni fa, prima ancora di fondare il mio studio legale, e inizialmente tutto è nato dalla mia passione e quella di altri professionisti per il diritto tributario e soprattutto per i diritti dei contribuenti. Col tempo, poi, ci siamo resi conto che una struttura come il Centro Studi rappresenta una base importantissima su cui fondare uno studio legale perché permette a tutti noi professionisti di tenerci costantemente aggiornati. Il nostro Centro Studi, dunque, è composto non solo dai componenti dello studio ma anche da alcuni ricercatori delle più prestigiose università italiane e ha l’importantissimo compito di studio e ricerca delle sentenze più interessanti oltre a quello di mantenere i rapporti con voi media».

Ci può fare un esempio pratico di come il Centro Studi ha contribuito di fatto all’attività del Suo studio?

«Come le dicevo,  oltre a garantirci un costante aggiornamento direi che un caso recente può essere rappresentato dalla famosa istanza prevista dalla legge n.228/2012 che stabilisce l’annullamento del debito tributario se l’Ufficio non risponde al contribuente entro 220 giorni (cd. Finanziaria 2013; sul punto si veda l’articolo pubblicato in data 1/09/2015 sul giornaledellepmi.it). Ebbene, quella norma era confusa tra centinaia di altri commi della Finanziaria e solo un lavoro certosino dei collaboratori del nostro Centro Studi ha permesso di scovarla. Sui motivi per i quali una norma così importante fosse confusa insieme a centinaia di altri commi che riguardano ben altre materie non ci è dato sapere ma comunque ciò che è importante è che i giudici abbiano confermato la nostra interpretazione della legge».

Perché secondo Lei è importante la collaborazione tra il GIORNALEDELLEPMI  e il Centro Studi Giuridici Sances?

«È importante perché dobbiamo cercare di ampliare la consapevolezza di tutti i cittadini verso i propri diritti nei confronti del Fisco. D’altronde, se da una parte è vero che ci sono degli obblighi precisi e che dunque le tasse vanno sicuramente pagate dall’altra è anche vero che lo Stato DEVE GARANTIRE A TUTTI I CITTADINI I PROPRI DIRITTI DI DIFESA NEI CONFRONTI DELL’ERARIO…».

Grazie e in bocca al lupo e speriamo che alla fine Renato ne esca bene.

«Speriamo bene, grazie a voi per aver patrocinato l’idea e speriamo che possa incontrare l’interesse del pubblico».

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.