Il fisco rifiuta il piano di concordato? Si impugna in Commissione Tributaria

 Il fisco rifiuta il piano di concordato? Si impugna in Commissione Tributaria

Se il Fisco si oppone al piano di concordato preventivo presentato dal contribuente deve dare le opportune motivazioni. In mancanza, il contribuente può impugnare il rigetto in Commissione Tributaria.

Ciò è quanto emerge da una recente sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Milano (sentenza n. 5429/17/2019, visibile su www.studiolegalesances.it – sez. Documenti), la quale innanzitutto chiarisce come il giudice tributario sia competente a giudicare su questi provvedimenti.

Sul punto, infatti, i giudici dichiarano “La giurisprudenza della Corte di Cassazione … ha da tempo riconosciuto l’assoggettamento alla giurisdizione tributaria di tutte le questioni sull’esistenza (an) e sulla consistenza (quantum) dell’obbligazione tributaria e quindi l’individuazione del soggetto tenuto al pagamento dell’imposta oltre che dei limiti dell’obbligo tributario… deve certamente ammettersi la sindacabilità giurisdizionale del provvedimento gravato, posto che per superiore previsione costituzionale (art.113 della Costituzione) contro tutti gli atti della Pubblica amministrazione è sempre ammessa tutela giurisdizionale…”.

Una volta chiarita la giurisdizione dei giudici tributari, la sentenza esamina il rifiuto dell’Amministrazione Finanziaria dichiarando “L’atto ivi impugnato non si sottrae alle censure di difetto di motivazione, per violazione dell’art.7 della legge 212/2000 e dell’art.3 della legge 241/1990 norma quest’ultima avente portata generale e riferibile all’intera attività della pubblica amministrazione, compresa quella tributaria…”.

Nel caso di specie, l’Agenzia delle Entrate rigettava il piano di concordato preventivo presentato presso il Tribunale di Milano dalla società contribuente riportandosi a un parere della Direzione Regionale Lombardia che però non veniva fatto visionare.

Ci si augura, dunque, che questa pronuncia possa contribuire a creare un clima di maggiore collaborazione tra Fisco e contribuente.

Dott.ssa Donatella Dragone
Avv. Matteo Sances
www.centrostudisances.it

Matteo Sances e Donatella Dragone

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.