Il leasing non rientra nel “vecchio” redditometro

 Il leasing non rientra nel “vecchio” redditometro

I canoni di leasing non vanno considerati ai fini della ricostruzione del reddito per quelle annualità di competenza del “vecchio” redditometro (entro il 31/12/2013 gli anni ancora accertabili con il vecchio strumento sono il 2008 e, in caso di mancata presentazione della dichiarazione dei redditi, anche il 2007).

Pertanto, qualora l’Agenzia delle Entrate utilizzi tali spese per la ricostruzione del reddito l’accertamento è nullo.

Tali considerazioni emergono da una recente pronuncia della Commissione Tributaria Regionale della Lombardia (sentenza della CTR Lombardia, sezione di Brescia, n.103/65/13 liberamente visibile sul sito www.studiolegalesances.it – sezione Documenti), la quale chiarisce come i canoni di leasing siano stati ammessi per la ricostruzione sintetica del reddito del contribuente solo nel nuovo redditometro mentre nel vecchio non possono essere utilizzati.

Gli stessi giudici, inoltre, fanno notare come la stessa Agenzia delle Entrate abbia operato in contrasto con i propri dettami visto che con le circolari 1/E e 24/E del 2013 si dichiara espressamente il divieto di retroattività del nuovo redditometro.

Per la Commissione, dunque, i canoni di leasing possono essere utilizzati solo per gli accertamenti fiscali a partire dal periodo d’imposta 2009.

Avv. Matteo Sances
info@studiolegalesances.it
www.studiolegalesances.it

Matteo Sances

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO SANCES collabora con "Il giornale delle pmi" commentando sentenze in materia tributaria e bancaria.

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.