Il Management del Messaggino

 Il Management del Messaggino

sms

Disposizioni e ordini, commenti e procedure, oggi vengono comunicati sempre più in forma scritta e attraverso SMS, WhatsApp e Chat varie.
Questo genera continue incomprensioni perché spesso scriviamo esattamente come parliamo dimenticandoci che dall’altra parte le parole possono essere male interpretate.

Per esempio, una frase intesa in tono scherzoso come
“domani è meglio che vieni a lavoro!”
può essere interpretata come un ordine minaccioso (se non vieni a lavoro per te sono guai)
o in tono suadente (sei importante, abbiamo bisogno di te).

Il fatto è che la persona alla quale stiamo scrivendo non può vederci.
Quindi non può vedere la parte più importante della comunicazione, cioè quella non verbale ( sorrisi, movimenti del corpo ) e quella paraverbale (tono scherzoso o serio, volume etc.) Questo genera continue incomprensioni , necessità di chiarimenti, emozioni negative…

Nelle chat possono salvarci le ‘emoticon’ cioè le ‘faccine’ che sembrano cose da ragazzini, ma in realtà ci aiutano a rappresentare l’umore (non verbale) che abbiamo mentre parliamo.

Devi proprio venire a lavoro! 🙂

è molto diverso e più chiaro di

Devi proprio venire a lavoro!  🙁

Ma se non ho le faccine? O non mi piace usarle? Come fare?

In assoluto è meglio telefonare, così potrò far sentire il mio tono tranquillo e giocoso. Anche perché se non ho questo tono è meglio non telefonare proprio. Quindi

NEL DUBBIO, TELEFONA!!!  

Se proprio devo scrivere devo alluuuungaaareeee lo scritto, per rendere le più esplicite possibile le mie emozioni:

Carissima (sei importante e preziosa)

sei importante e preziosa, e solo tu sai come funziona la produzione  (ripetere aiuta)

è proprio necessario che tu venga a lavoro domani ! (messaggio principale)

Grazie! (riconosco il tuo sforzo e l’aiuto che mi dai)

E se ricevo una comunicazione scritta che mi sembra dura e ostile, è meglio che non salti subito a conclusioni… magari stava solo scherzando e ignora! Non ha avuto la fortuna  di leggere questo articolo! 🙂 🙂

Fabrizio Cocco

www.fasterre.net

Fabrizio Cocco

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.