Il Registro delle imprese passa al Mise

 Il Registro delle imprese passa al Mise

registro_slide1

[dropcap]I[/dropcap]l Registro delle imprese cambia residenza, traslocando dalle Camere di commercio al Ministero per lo sviluppo economico (Mise).

Sarà un decreto del presidente del consiglio emanato su proposta del ministro delegato per la semplificazione e per la PA (di concerto con il Mise e la Giustizia) a stabilire le modalità del trasferimento e della gestione del registro imprese presso il Mise. Individuando anche i competenti uffici (articolo 2188 c.c.) che dovranno garantire la continuità operativa del sistema informativo nazionale.

Tutto questo lo prevede l’articolo 9 del decreto legge «riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche» approvato definitivamente dal consiglio dei ministri il 10 luglio scorso.

Con il decreto legge appena citato è stato abrogato l’articolo 8 della legge del 29 dicembre 1993, numero 580, quella che ha istituito l’Ufficio del registro imprese (previsto dal codice civile) presso le camere di commercio. Ricordiamo che nel registro delle imprese sono contenute tutte le informazioni legali sulle imprese individuali e le società che operano nel mercato e su alcuni atti eseguiti dalle stesse come le cessioni di aziende, di quote di srl e i patti parasociali.

Maurizio Maraglino
Dottore Commercialista e Consulente d’impresa

Maurizio Maraglino Misciagna

https://www.mauriziomaraglino.it/

Dottore commercialista e revisore legale. Giornalista  pubblicista. Esperto in finanza innovativa e startup. www.mauriziomaraglino.it

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.