Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Il segreto di un ottimo livello di engagement? I coupon per smartphone o tablet

Mobile, mobile, mobile. I retailer, probabilmente, sentono questa parola così tante volte al giorno, che nemmeno riescono a dire quante. E se fino a qualche tempo fa chi acquistava con lo smartphone era considerato un esperto di tecnologia, che faceva parte di una nicchia, oggi tutto è cambiato e molti dei vostri consumatori sono pronti ad essere coinvolti attraverso questo canale.

In questo momento, il tempo e l’attenzione dei consumatori valgono oro e la sfida dei retailer è riuscire a conquistarne una fetta. Quasi tre clienti su quattro affermano di utilizzare al massimo due app per riuscire a trovare ciò che stanno cercando quando fanno shopping in negozio, e spesso il loro tempo è nelle mani di pochi player dominanti in questo settore (pensate, ad esempio, ad Amazon).

Tuttavia, sono molteplici le opportunità che i retailer potrebbero sfruttare. Se un cliente tornerà di nuovo sulla vostra app o sul vostro sito web, sarà grazie al fatto di avere vissuto una esperienza utente soddisfacente e gratificante.

Una ricerca di Placed Inc. e RetailMeNot ha dimostrato che chi fa shopping online è un utente coinvolto, che spesso inizia la propria ricerca molto prima di recarsi effettivamente in un negozio. Inoltre, i retailer che propongono contenuti brandizzati attraverso i canali mobili, saranno considerati maggiormente, quando arriverà il momento di effettuare un acquisto.

Recensioni dei prodotti, orari dei punti vendita e location, acquisto online e ritiro in negozio – le opzioni per creare contenuti per il canale mobile sono davvero infinite. Una delle strategie più efficaci per rivolgervi ai vostri consumatori e monitorare così il vostro successo? I coupon per smartphone o tablet.

I primi coupon intesi in senso pubblicitario nascono con il marketing Coca Cola nel 1887. La diffusione su larga scala si ebbe tuttavia intorno al 1910 per la vendita di cereali: da allora il trend di crescita è stato costante, tanto che nel 2011 i consumatori americani hanno utilizzato coupon per un valore di 4,6 miliardi di dollari. In Europa, inclusa l’Italia, la diffusione dei coupon è più recente ed ha visto un balzo negli ultimi anni diventando una grande opportunità di business.

Secondo eMarketer, entro il 2018, gli utenti che utilizzeranno coupon tramite smartphone o tablet saranno 124 milioni. Nel 2015, più di 10.000 consumatori intervistati hanno dichiarato di cercare questo tipo di offerte più frequentemente con un dispositivo mobile. Dato che i retailer devono dimostrare di essere degli esperti di marketing sempre più flessibili, devono vincere questa sfida, e trovare il modo di monitorare i consumatori nelle loro transizioni tra i vari canali.

Grazie a questo tipo di coupon, il consumatore può infatti utilizzare i contenuti promozionali dove e quando vuole, e proprio questi contenuti lo faranno tornare sulle vostre piattaforme mobili e nei vostri negozi. È una soluzione semplice, che permette di collegare il mondo fisico del vostro brand a quello digitale, fornendo anche informazioni utili sui vostri clienti, grazie alle quali potrete orientare le vostre scelte di marketing e i vostri investimenti in futuro.

Tuttavia, i coupon non sono l’unico contenuto promozionale possibile per i retailer che vogliono proporsi attraverso il canale mobile. Ogni brand dovrebbe ricorrere ai coupon se questa scelta ha senso nel contesto di tutta la strategia mobile, pur esplorando costantemente tutte le opportunità di contenuto offerte dalle app.

I coupon mobile sono una strada attraverso la quale i retailer possono affacciarsi alla conversazione sul canale mobile dalla navigazione all’acquisto. La sfida, per loro, è immaginare come creare engagement con questa audience, insieme alla fedeltà verso il brand, restando a fianco del consumatore anche dopo aver pagato alla cassa del negozio.

Giulio Montemagno

Giulio Montemagno

Senior Vice President international di RetailMeNot.

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.