Imprese italiane e innovazione: considerazioni a margine dei dati ISTAT su ricerca e sviluppo in Italia

 Imprese italiane e innovazione: considerazioni a margine dei dati ISTAT su ricerca e sviluppo in Italia

ricerca-e-sviluppo-1

[dropcap]I[/dropcap] dati sugli investimenti in R&S in Italia nel 2012 pubblicati ieri dall’Istat segnalano un lieve aumento (+1,9% in termini reali) rispetto al precedente anno di rilevazione (2011). Ma, si rileva già nel 2013, una inversione di tendenza, con una diminuzione della spesa del 2,9%, tendenza negativa che si protrarrebbe per il 2014.

Se sul versante complessivo il nostro Paese si discosta del 3% dall’obiettivo di Europa 2020, confermando la distanza dalle performance della maggior parte degli altri Paesi europei, guardando alle sole imprese emergono segnali incoraggianti: la spesa delle imprese in R&S cresce dal 2009 al 2014, con una piccola battuta di arresto nel 2013. Bisogna rilevare tuttavia che rispetto alla media europea il settore privato contribuisce ancora troppo poco alla spesa totale (Rapporto BES, 2014, Cap. 11).

A investire in R&S sono soprattutto le imprese medio-grandi: dal 2009, il contributo delle imprese con 500 e più addetti alla spesa R&S complessiva è costantemente diminuito ed è aumentato quello delle imprese fra i 250 e i 499 addetti e quello delle imprese di medie dimensioni (50-249), mentre è in lieve calo la quota delle imprese più piccole (fino a 49 addetti).

Considerando che in Italia il peso economico dei settori ad alta tecnologia è tra i più bassi in Europa, i dati secondo cui gli investimenti crescono lievemente nel terziario e nei settori a più alto contenuto tecnologico, sono positivi, sebbene la maggior parte degli investimenti si concentrino nell’industria manifatturiera.

Grafico n. 1 Spesa per R&S delle imprese italiane, 2009-2014

Fonte: ISTAT, Ricerca e sviluppo in Italia, dicembre 2014
*i dati per il 2013 e il 2014 sono previsionali

Passando poi agli investimenti sulla ricerca, si segnala il primato della ricerca di base (attività intraprese principalmente per acquisire nuove conoscenze sui fondamenti dei fenomeni e dei fatti osservabili, non finalizzate ad una specifica applicazione) con un aumento nel 2012 (+9,2%); diminuisce la spesa per la ricerca sperimentale (-0,9%). Gli investimenti invece in ricerca applicata (attività che consentono di acquisire nuove conoscenze per migliorare pratiche e specifiche applicazioni) passano a +3,1%.

Per quanto riguarda le interrelazioni fra settore pubblico e privato in termini di finanziamenti incrociati alle spese per R&S, si registra scarsa cooperazione. Le imprese ricevono da altre imprese, o da soggetti privati, una quota di finanziamento pari al 79,9% del totale, mentre ricevono dall’estero e dalle istituzione pubbliche finanziamenti pari rispettivamente al 13% e al 7,1%. Nelle istituzioni pubbliche la spesa in R&S è prevalentemente autofinanziata (87,3%), il contributo del settore privato è pari al 6,9% mentre il 5,4% dei finanziamenti proviene dall’estero. Gli enti del settore non profit autofinanziano le proprie ricerche o utilizzano raccolte fondi (65,8%), ma sono maggiormente sostenuti dal pubblico rispetto alle imprese (22,6%).

Segnali positivi emergono invece sul fronte occupazionale. Il numero di addetti impegnati nella R&S segna una crescita nelle imprese (+6,9%), nelle istituzioni pubbliche (+5,4%), nelle università (+3%) e nel non profit (+1,7%).

Tuttavia emerge che alcuni strumenti quali l’apprendistato di alta formazione e soprattutto l’apprendistato di ricerca, potrebbero contribuire in maniera positiva al rilancio dell’occupazione, fortemente penalizzata dalla scarsissima istituzionalizzazione della figura del ricercatore nella contrattazione collettiva, valorizzando profili innovativi ed incentivando le imprese a investire maggiormente nell’assunzione di giovani qualificati per portare avanti progetti di ricerca applicata, incentivando soprattutto quella cooperazione inter-istituzionale necessaria a far crescere trasversalmente (e in una logica cooperativa che superi la frammentazione al momento esistente) gli investimenti in R&S.

Redazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.