In aumento i posti vacanti nelle imprese dell’industria e dei servizi

 In aumento i posti vacanti nelle imprese dell’industria e dei servizi

Nel terzo trimestre 2016, il tasso di posti vacanti destagionalizzato nel complesso delle attività economiche considerate è pari allo 0,7%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Il tasso cresce di 0,1 punti percentuali nei servizi, raggiungendo lo 0,7%, mentre rimane stabile allo 0,6% nell’industria.

chart

Il tasso di posti vacanti è il rapporto percentuale fra numero di posti vacanti e somma di posti vacanti e posizioni lavorative occupate.

I posti vacanti misurano le ricerche di personale che alla data di riferimento (l’ultimo giorno del trimestre) sono già iniziate e non ancora concluse. Sono, infatti, quei posti di lavoro retribuiti che siano nuovi o già esistenti, purché liberi o in procinto di diventarlo, per i quali il datore di lavoro cerchi attivamente un candidato adatto al di fuori dell’impresa interessata e sia disposto a fare sforzi supplementari per trovarlo.

I dati qui presentati si riferiscono ai posti vacanti per lavoratori dipendenti nelle imprese con almeno 10 dipendenti dell’industria e dei servizi. Sono stati prodotti sulla base di due rilevazioni: quella mensile sull’occupazione, gli orari di lavoro, le retribuzioni e il costo del lavoro nelle grandi imprese, per le imprese con almeno 500 dipendenti dell’industria e dei servizi; quella trimestrale sui posti vacanti e le ore lavorate, per le imprese con 10-499 dipendenti dell’industria e dei servizi.

A partire dal primo trimestre del 2016, i dati sul tasso di posti vacanti considerano tutti i dipendenti, inclusi i dirigenti, delle imprese con almeno 10 dipendenti. Le serie per gli anni che precedono il 2016, che consideravano solo i dipendenti non dirigenti, sono state revisionate per renderle comparabili con quelle dal 2016.

Il tasso di posti vacanti può fornire, usato assieme ad altri indicatori, informazioni utili ad interpretare la congiuntura. I posti vacanti, infatti, possono dare segnali anticipatori sull’andamento del numero di posizioni lavorative occupate nel prossimo futuro.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.