Incentivi per le imprese umbre che investono in ricerca e sviluppo

 Incentivi per le imprese umbre che investono in ricerca e sviluppo

Ultimi giorni per Pmi e grandi imprese agricole del territorio, per partecipare al bando in ricerca industriale e sviluppo sperimentale, attivato dalla Regione Umbria.

Previsto uno stanziamento complessivo pari a 8 milioni di euro: l’obiettivo è migliorare competitività e innovazione del sistema produttivo, concedendo un contributo a fondo perduto per gli “imprenditori investitori”.

Requisiti base d’accesso per le imprese richiedenti sono:

  1. Essere attive e operative, senza accordi stragiudiziali o procedimenti fallimentari in corso;
  2. Essere in regola con i pagamenti dei contributi previdenziali e aver assolto gli obblighi di sicurezza e tutela dei lavoratori;
  3. Non essere in difficoltà finanziarie, né in crisi per sovraindebitamento.

La realizzazione dei progetti proposti (contributo a fondo perduto fino al 70% delle spese ammissibili) dovrà avvenire entro 12 mesi dalla data di avvio dichiarata nella richiesta di agevolazione e sono ammessi:

  • Costi relativi alla gestione del personale dipendente di ricerca;
  • Strumentazioni/attrezzature/macchinari;
  • Servizi di consulenza;
  • Materiali direttamente imputabili all’attività di ricerca.

I progetti suddetti debbono prevedere una spesa compresa tra 130mila e 1,5 milioni di euro.

La partecipazione al bando prevede la compilazione di un modulo online, disponibile sulla piattaforma telematica della Regione Umbria, che deve avvenire, unitamente all’invio degli allegati richiesti, entro il 23 gennaio 2019.

Per tutti i dettagli del caso, cliccando qui è possibile consultare il testo integrale del bando in oggetto.

Fonte: cliclavoro

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.