Istat, diminuisce la fiducia dei consumatori

 Istat, diminuisce la fiducia dei consumatori

A febbraio 2014 l’indice del clima di fiducia dei consumatori in base 2005=100 diminuisce a 97,5 da 98,0 del mese precedente.

La componente economica aumenta da 92,3 a 96,2 mentre diminuisce quella riferita al quadro personale (da 100,3 a 98,3).

L’indice del clima corrente si riduce da 99,0 a 96,7, mentre quello riferito al clima futuro risulta in aumento (da 97,6 a 98,8).

Riguardo alla situazione economica del Paese migliorano sia i giudizi sulle condizioni attuali, che le attese future (i saldi passano da -129 a -119 e da -26 a -21 rispettivamente). Diminuiscono le attese sulla disoccupazione (da 67 a 64 il saldo).

I giudizi sulla situazione economica della famiglia peggiorano (da -59 a -65 il saldo), mentre per le attese il saldo si attesta a -14 come nel mese precedente. Anche i giudizi sulla valutazione del bilanco familiare non si modificano rispetto a gennaio, il saldo resta stabile a -18. Le opinioni sull’opportunità attuale di risparmio sono in diminuzione (da 132 a 113 il saldo), mentre aumentano le opinioni favorevoli sulle possibilità future da -60 a -54 il relativo saldo. Le valutazioni sull’opportunità di acquisto di beni durevoli mostrano una lieve diminuzione: il saldo passa a -79 da -78.

Il saldo dei giudizi sull’andamento recente dei prezzi al consumo è in diminuzione (da 32 a 21). Migliora il giudizio sull’evoluzione dei prezzi nei prossimi dodici mesi il cui saldo passa a -18 da -7.

A livello territoriale il clima di fiducia aumenta nel Nord-ovest e al Centro, mentre diminuisce nel Nord-est e nel Mezzogiorno.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.