Italia per le imprese. Con le pmi verso i mercati esteri

 Italia per le imprese. Con le pmi verso i mercati esteri

L’Ice, il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero degli Affari Esteri lanciano la sfida ai mercati esteri. Per accompagnare le imprese verso le tante opportunità presenti a livello internazionale, mercoledì 12 febbraio a Bari, a Villa Romanazzi Carducci, si svolgerà la seconda tappa del roadshow “Italia per le Imprese, con le pmi verso i mercati esteri”. Nel corso dell’appuntamento il viceministro Carlo Calenda presenterà gli ultimi dati relativi all’export della Puglia e ribadirà le opportunità per le imprese derivanti dall’apertura verso i mercati internazionali.

I dati negativi dei primi nove mesi del 2013 ( -14,6% a livello regionale, stando alle elaborazioni dei dati Istat) sono frutto di andamenti diversi a livello provinciale. Export in pesante calo a Taranto (-58.5 %), Brindisi (-10,6%) e Lecce (-10,7%). In lieve discesa anche Foggia (-2,4%). In salita invece Bari (+12,3%) e Barletta-Andria-Trani (+ 9,9%).

Nel corso dell’incontro di Bari saranno presentati dati aggiornati sull’export e sui settori con maggiori possibilità di sviluppo per le aziende. «Il nostro obiettivo – ha spiegato il viceministro Calenda – è quello di aumentare di 22 mila unità il numero delle imprese stabilmente esportatrici. La tappa di Biella, con oltre 400 imprese partecipanti è un grande stimolo in vista dell’appuntamento di Bari nel quale puntiamo a superare questo dato già molto positivo. Vogliamo intervenire sui settori principali dell’economia della Puglia e spiegare alle aziende quante e quali sono le opportunità da cogliere adesso per uscire dalla crisi. I nostri esperti saranno a disposizione per un’intera giornata».

L’interesse registrato nell’evento di esordio della manifestazione è stato al centro anche di un successivo incontro svoltosi al Ministero. «Abbiamo voluto fare il punto sul follow – up degli incontri avuti a Biella. I nostri partner stanno accompagnando le imprese in questo percorso di crescita che, ne siamo certi, porterà buoni frutti», ha detto ancora il viceministro Carlo Calenda.

L’appuntamento di Bari sarà anche l’occasione per approndire i temi del nuovo ‘Piano export sud’, gestito e coordinato dall’Ice-agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane.

«La sfida per i paesi che vogliono mantenere la leadership economica – ha detto il viceministro allo Sviluppo Economico, Carlo Calenda – si giocherà su due piani: industria e internazionalizzazione. È una partita che l’Italia può vincere. La seconda fase della globalizzazione, caratterizzata da una più equilibrata distribuzione dei vantaggi (aumento della classe media e della domanda di prodotti “Made in Italy” e diminuzione dei differenziali dei costi di produzione tra paesi sviluppati ed economie emergenti) e da una maggiore facilità di accesso ai mercati (accordi di libero scambio), può rappresentare la cornice per una rinascita industriale del nostro Paese».

Il programma prevede dopo la registrazione dei partecipanti, gli interventi di Francesco Sgherza, Presidente Confartigianato Bari e di Carlo Calenda, Vice Ministro dello Sviluppo Economico. A seguire salirà sul palco Antonio Olivieri, docente di pratica dell’export e internazionalizzazione delle Pmi, e successivamente Massimo Lentsch, Presidente Co.Mark. Nel programma sono poi previsti Riccardo M. Monti, Presidente ICE Agenzia, Massimo D’Aiuto, Amministratore Delegato Simest, Giovanni Castellaneta, Presidente SACE e Loredana Capone, Assessore allo Sviluppo Economico Regione Puglia. La storia di successo nell’export sarà questa di Antonio Coli, delle Ceramiche Coli. Le conclusioni saranno affidate ad Alessandro Ambrosi, Presidente della Camera di Commercio di Bari.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.