La Commissione Ue dà il via agli inviti per il 2015 del programma Orizzonte 2020

 La Commissione Ue dà il via agli inviti per il 2015 del programma Orizzonte 2020

europa-2

[dropcap]A[/dropcap]dottato alla fine di luglio, il programma di lavoro 2014-2015 di Orizzonte 2020 conferma le somme stanziate per le attività da realizzare nel prossimo anno.

Il programma presenta inoltre la nuova azione pilota FTI che si propone di offrire alle aziende e alle organizzazioni innovative contributi per dare una spinta finale a grandi idee per il mercato. Le domande potranno essere presentate a partire da gennaio 2015 e saranno sostenuti piccoli consorzi formati da tre fino a cinque organizzazioni. Le attività finanziate nell’ambito delle azione pilota dovranno essere “orientate al business”. Pertanto, sarà obbligatorio un sostanziale coinvolgimento dell’industria nelle azioni FTI per assicurare un rapido assorbimento da parte del mercato. Con “rapido” si intende un periodo di tre anni dall’inizio dell’azione FTI.

Un altro “extra aggiuntivo” per il prossimo anno sono i nuovi premi all’innovazione che premieranno i progressi tecnologici di grande rilevanza sociale. I premi, del valore di 6 milioni di euro nel 2015, partiranno tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015. Coprono tre diverse aree tematiche di ricerca: salute (“Premio per la riduzione dell’uso degli antibiotici”, “Premio scanner alimentare”), ambiente (“Premio per la riduzione dell’inquinamento atmosferico”) e TIC (“Condivisione collaborativa dello spettro”, “Premio per la trasmissione ottica”). Il premio in denaro va da mezzo milione di euro a 3 milioni di euro.

Parlando dopo l’adozione del programma di lavoro, il commissario europeo per la ricerca, l’innovazione e la scienza, Máire Geoghegan-Quinn, ha detto: “Oggi diamo il via ai bandi del 2015 e sono sicura che soddisferemo una domanda altrettanto grande [come i primi bandi di Orizzonte 2020]. La Fast Track to Innovation e i nuovi premi forniranno ancora più opportunità per gli innovatori europei di impegnarsi. Con questi provvedimenti stiamo dando un contributo per incrementare la competitività dell’Europa e creare crescita e posti di lavoro”.

Oltre 17 000 proposte sono già state presentate per i primi inviti di Orizzonte 2020, annunciati a dicembre dell’anno scorso. La domanda in realtà è nove volte maggiore rispetto ai fondi disponibili. Questo segna un aumento rispetto al settimo programma quadro (7° PQ) e un più alto livello di concorrenza. La Commissione ha osservato in particolare un aumento delle domande da parte dell’industria. Per esempio, le domande per i pilastri “leadership industriale” e “sfide sociali” di Orizzonte 2020 rappresentano il 44 percento del totale, rispetto al 30 percento nelle aree simili del 7° PQ.

La partecipazione delle pmi è particolarmente presente, con oltre 5 500 domande di PMI agli inviti di Orizzonte 2020 per incoraggiare la leadership nelle tecnologie abilitanti e industriali e quasi 2 700 domande per ottenere finanziamenti nell’ambito del nuovo strumento per le pmi da 3 miliardi di euro.

Nel 2015 saranno erogati 7 miliardi di euro per gli inviti di Orizzonte 2020 e il programma è pronto. Tutte le opportunità di finanziamento nell’ambito di Orizzonte 2020 sono accessibili tramite il portale dei partecipanti.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.