La fase 3 del settore aerospaziale? Green secondo il 77% delle imprese. Pubblicata la seconda parte del report Horizon Shift

 La fase 3 del settore aerospaziale? Green secondo il 77% delle imprese. Pubblicata la seconda parte del report Horizon Shift

Il secondo capitolo dell’indagine Horizon Shift – che raccoglie l’opinione dei leader dell’industria aerospaziale e aeronautica europea – sottolinea come più di tre quarti (77%) delle aziende intervistate siano convinte che la “credibilità ambientale” sarà la principale chiave di differenziazione nel futuro. Inoltre, il 72% è convinto che i nuovi materiali daranno la spinta nell’abbattere le emissioni e rendere i voli più sostenibili.

Il 65% crede che gli investimenti in innovazione capaci di ridurre le emissioni dovrebbero continuare nonostante la pandemia, con un 42% che sta già trasformando la supply chain in ottica di riduzione delle emissioni di anidride carbonica. I dirigenti del Composite Technology Center, del Gruppo Schiebel e di Tecnam sono stati tra gli 80 senior leader recentemente intervistati per capire come questo mercato di importanza strategica stesse cercando di riprendersi dall’enorme impatto della diffusione del corona virus: l’ultimo sondaggio è stato condotto a giugno, dopo un primo sondaggio che ha coinvolto 325 leader dell’industria condotto a febbraio e marzo, proprio in concomitanza con le prime fasi della pandemia.

Quest’ultimo report presenta una visione unica del settore, in particolare per quanto riguarda i cambiamenti intervenuti a seguito della crisi. Oltre ai miglioramenti relativi all’ambiente, le aziende non nascondono di attendersi un sostegno da parte dei governi, con pacchetti di stimolo per aiutarle a creare nuovi flussi di reddito, incorporare l’innovazione nella catena di fornitura e portare rapidamente sul mercato nuovi prodotti. Il 39% crede che gli investimenti in infrastrutture siano urgenti, mentre 1 su 3 vorrebbe una politica fiscale più favorevole con agevolazioni fiscali o sovvenzioni per gli investimenti in ricerca e sviluppo.

“Le crisi rappresentate dal cambiamento climatico e dal lockdown stanno cambiando l’industria aerospaziale,” commenta Bjoern Klaas, Vice Presidente e Direttore Generale di Protolabs Europe, il produttore più veloce al mondo di prototipi e componenti prodotti in volumi ridotti. “Emergeranno aerei, modelli di business e supply chain sempre più innovative. La sopravvivenza non sarà una transizione rapida, ma si fonderà sulla resilienza a lungo termine e, in parte, la produzione della prossima generazione di aeromobili vedrà una migliore aerodinamica, minore peso e più efficienza dal lato consumi: saranno in definitiva meno inquinanti.

E prosegue: “Il nostro ultimo report Horizon Shift lo mette chiaramente in evidenza. Il 77% delle aziende ritiene che le prestazioni ambientali saranno un elemento chiave di differenziazione, con un aumento di 9 punti percentuali rispetto a quando abbiamo posto la stessa domanda nel nostro sondaggio iniziale, poco prima del lockdown”. Il 91% dei leader intervistati ammette che la riduzione della CO2 sta avendo una qualche forma di impatto sul modo in cui gestiscono le loro aziende e la buona notizia per il settore aerospaziale europeo è che sembra che abbiano deciso di affrontare la sfida trasformando le supply chain e sviluppando nuove tecnologie e materiali. Un esempio: all’inizio di quest’anno, Airbus ha confermato il suo impegno per la riduzione dell’anidride carbonica, facendo da apripista di un’industria aeronautica mondiale più sostenibile – impegno che riguarderà necessariamente tutta la sua supply chain.

Il report Horizon Shift approfondisce le sfide che la supply chain deve affrontare e i miglioramenti che il settore sta adottando per vincerle. In cima alla lista delle preoccupazioni da qui a 2 anni sono l’ottemperanza alla normativa ambientale, seguita dalla mancanza di flessibilità e dei lunghi ritardi della supply chain (69%), la lentezza dei processi di certificazione (60%) e la volatilità dei costi delle materie prime e la loro reperibilità (57%). Dalla ricerca è emerso che le aziende si prefiggono di utilizzare tecniche di produzione avanzate per migliorare la produttività e la produzione, realizzando una gamma più flessibile di prodotti (63%) e consegnando più rapidamente i pezzi o l’aeromobile stesso (58%).

L’evoluzione della stampa 3D, da tecnologia di prototipazione a tecnologia di produzione consolidata, è stata anch’essa presa in considerazione nell’indagine Protolabs: le aziende la utilizzano per aumentare la rapidità di produzione, ridurre gli scarti e concentrare singoli componenti da assemblare in un unico pezzo stampato in 3D di minore peso.

Bjoern Klaas conclude: “Le aziende che stanno attraversando un momento di difficoltà finanziaria in seguito alla pandemia da Sars CoV-2 si stanno concentrando su vincite veloci e rapidità di accesso al mercato. Un modo per pianificare il futuro è creare nuovi flussi di entrate, ma per farlo è necessario ottimizzare la supply chain ed essere più rapidi. Nel lungo periodo, la nostra indagine sottolinea come l’industria aerospaziale e aeronautica assumerà talenti, implementerà nuove tecnologie, impiegherà nuovi materiali ed espanderà le sue competenze nella manifattura. Potrebbero inoltre ottenere inaspettatamente alcuni risultati positivi dalla crisi: la flessibilità data da catene e processi di fornitura innovativi potrebbe essere la soluzione vincente che risponde alle crescenti pressioni per produrre aerei sempre più ecologici. 

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.